Giocare in Borsa: guida completa, come iniziare

Conviene giocare in Borsa? In questa guida completa su come giocare in Borsa, scopriremo i vari aspetti di questa attività che ormai coinvolge sempre più persone.

Spinte a questa scelta per motivi economici, che possono andare dall’assenza di entrate al voler arrotondare, fino al desiderio di volersi arricchire e fare la bella vita.

Per carità, ogni motivo è rispettabile. Purché però lo si persegua in modo corretto e restando nell’alveo della legalità. Senza tentare pericolose scorciatoie, che porteranno solamente l’effetto controproducente di peggiorare la propria scelta finanziaria. In quanto si finisce in una truffa quasi sicuramente.

Lo stesso termine giocare in borsa può essere sbagliato e pericoloso. Dando una illusione che sia davvero un gioco fattibile per tutti. Un divertimento come giocare a carte o a tombola.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come il copy trading per poter essere "copiare" le operazioni dei trader che guadagnano di più. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Giocare in Borsa cosa significa

Cosa significa giocare in Borsa? Le parole sono importanti. E ancora di più quando si ha a che fare col denaro. Quindi, perché è sbagliato utilizzare il verbo giocare?

In quanto subito ci collega a qualcosa di spensierato, ludico, leggero. Il verbo ideale sarebbe invece Investire in Borsa. In quanto, rispetto al gioco, che ha un connotato più rivolto all’immediatezza delle scelte, ma soprattutto, alla dimensione della fortuna come prevalente o quasi, l’investimento implica invece lo studio approfondito di ciò che si fa. La programmazione.

Ciò spiegherebbe anche perché si può utilizzare il verbo giocare per le carte o la tombola. Che pure implicano l’uso di denaro.

Il gioco d’azzardo, come il Bingo o il Poker, implicano una grande dose di fortuna. Poiché sarà la buona sorte a farci ottenere il giro di carte giuste o far uscire le carte che abbiamo nella cartella. Quindi, per quanto possiamo essere abili a scommettere l’importo giusto, molto lo fa la fortuna.

Investire in Borsa, invece, implica certo anche la fortuna, poiché ci sono mille imprevisti che possono influenzare positivamente o negativamente i mercati finanziari.

Ma è anche vero che la dimensione della fortuna può essere il più possibile mitigata dal nostro studio dei mercati, cercando di fare le scelte giuste al momento giusto. Formandoci tramite un Conto demo per la parte pratica e mediante eBook, webinar o video on demand per la parte teorica.

Comunque, per convenzione, continueremo ad utilizzare il verbo Giocare.

Piattaforme di trading per giocare in Borsa

Quali sono le migliori piattaforme di trading per giocare in Borsa? A nostro avviso, le seguenti:

eToro

Il Broker eToro (clicca qui per maggiori informazioni) viaggia ormai sugli oltre 6 milioni di utenti, sparsi in circa 150 Paesi del Mondo. Come mai tutto questo successo? E’ presto detto.

Parliamo di una piattaforma di trading online che offre da anni servizi sempre più innovativi, emulati poi da altri siti. Il Broker, oltre a ciò, ha anche ben tre licenze per operare: la cipriota CySEC, la britannica FCA e l’australiana ASIC.

Ancora, eToro offre anche ottime condizioni economiche in termini di commissioni e spread.

Su tutti, eToro è diventato ormai famoso per il suo servizio di CopyTrade, meglio noto come copy trading. Un servizio mediante il quale chi è alle prime armi, può copiare cosa fanno i trader più esperti. Denominati sulla piattaforma Popular trader.

Il trader può scegliere questi ultimi visionando le loro statistiche. Non c’è un numero massimo di trader da poter copiare, ma occorre tenere sul conto almeno 10mila euro.

Non si tratta inoltre di una mera copia, ma il trader follower può personalizzare il trading interrompendolo quando lo ritiene opportuno. O impostando stop loss e take profit. Può interrompere la copia quando vuole.

Altri servizi molto interessanti sono il Social trading, un Social network dedicato ai trader. E i CopyPortfolios, che contengono asset di più categorie.

Il broker eToro conta un solo account con deposito minimo di 200 euro.

Per creare un conto demo gratuito su eToro clicca qui.

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

OBRinvest

Il Broker OBRinvest (clicca qui per maggiori informazioni) ha licenza CySEC, ottime condizioni economiche (commissioni e spread) e fino a 4 account diversi tra i quali scegliere. I quali offrono servizi in crescendo in base al livello del conto. Il deposito minimo è di 250 euro.

OBRinvest si distingue per i segnali di trading offerti dall’autorevole società americana Trading Central. Diventata nel corso degli anni una multinazionale operante in molti paesi.

OBRinvest offre anche un Conto demo per esercitarsi, un Glossario, eBook, Webinar e video on demand.

Per saperne di più sui segnali e gli altri servizi di OBRinvest clicca qui.

Plus500

Il broker Plus500 (clicca qui per maggiori informazioni) vanta le licenze CySEC e FCA, ed è anche quotata sulla prestigiosa borsa londinese: London stock exchange.

Plus500 risulterà familiare a chi segue il calcio, dato che è sponsor nella nostra Serie A dell’Atalanta. Mentre nella Liga spagnola lo è dell’Atletico Madrid. In Svizzera dell’Old Boys e in Polonia del Legia Varsavia. Oltre ad altre sponsorizzazioni in altri sport.

Plus500 è diffuso in 140 Paesi, tanto che mette a disposizione 32 lingue con le quali usare il sito.

Molto apprezzata la piattaforma estremamente user-friendly, l’assistenza clienti in Live chat e il fatto che si possa fare trading su oltre 2500 asset.

Plus500 prevede un solo account, con deposito minimo di 100 euro.

Per aprire un conto demo gratis su Plus500 clicca qui.

72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro.

Giocare in Borsa : le domande frequenti

Prima di approfondire ancora di più il tema vediamo alcune domande comuni:

Cosa significa giocare in borsa?

Abbiamo visto che è più corretto utilizzare termini come trading e investimento in Borsa per spiegare la questione. Giocare in Borsa significa dunque operare sull’andamento delle azioni cercando di ottenere profitti quando i prezzi variano in positivo o in negativo.

Giocare in borsa è una operazione rischiosa?

Tutte le operazioni in Borsa hanno dei rischi. Chi vuole operare sui mercati può utilizzare strumenti come gli stop loss ed altri che permettono di minimizzare il rischio.

Conviene giocare in Borsa?

Può sicuramente convenire investire sui titoli della Borsa se si imparano ad utilizzare gli strumenti e si usano piattaforme di trading regolamentate.

Giocare in Borsa conviene

Conviene giocare in Borsa? Giusto domandarselo prima di decidere di farlo. Naturalmente, la risposta dovete trovarla in voi stessi.

Innanzitutto, avete la possibilità economica di farlo? Ovvero, investire del denaro surplus che non andare a sottrarre ad esigenze primarie personali e della vostra famiglia?

E poi, avete il carattere giusto per giocare in Borsa? Siete ansiosi? Spacconi? Oppure razionali? Beh, anche questo è fondamentale. Perché se vi lasciate prendere dal panico troppo spesso, rischiate di chiudere in anticipo trade che magari potrebbero andare meglio.

Oppure, se siete dei guasconi, rischiate di proseguire con trade che stanno andando male, incrementando la vostra perdita.

Come tutto, ci vuole il giusto punto di equilibrio, che assumerete solo col tempo e l’esperienza. Ma certi lati caratteriali, sono difficili da correggere. Al massimo, si possono puntellare.

Ed ancora, siete disposti a formarvi prima di procedere? O pretendete di guadagnare senza conoscere nulla sull’argomento? Certo, potreste affidarvi ad ad un consulente finanziario. Ma vi costerà molto sul lungo termine.

Giocare in Borsa può convenire se siete disposti a formarvi, ad imparare, se avete pazienza di affidarvi ad un Broker con regolare licenza. Che non promette la Luna, ma che di sicuro non è una truffa.

La Borsa e le truffe

Giocare in Borsa comporta anche un alto rischio di incappare in una truffa. Da parte di quanti mettono in piedi delle truffe attirando il prossimo promettendogli che si arricchiranno facilmente con il loro sistema.

Ecco alcune caratteristiche dei Broker truffa:

  • Sistema per pochi eletti, a numero chiuso
  • Broker sponsorizzato da Vip impegnati in finte interviste
  • Assenza di informazioni sul Team di sviluppatori che lo avrebbe creato
  • Chiamate con marketing aggressivo per incentivare a mettere altri soldi
  • Il sistema si basa su segnali di trading con una accuratezza prossima al 100 per cento
  • Società che lo gestisce senza licenza per operare, con un indirizzo finto, solitamente invece basata in un Paradiso fiscale

Queste sono le caratteristiche che solitamente accomunano tutte le truffe. Occorre comunque sempre aggiornarsi, poiché lo fanno anche i truffatori dopo un tot di tempo proprio perché le persone iniziano ad aprire gli occhi.

Purtroppo, le truffe sono aumentate esponenzialmente da quando si è diffuso anche l’interesse per le criptovalute. Da quando il Bitcoin, nel 2017, ha avuto una clamorosa impennata del proprio prezzo.

Altro fattore che ha fatto proliferare le truffe è la crisi economica che attanaglia ormai le economie mondiali dal 2008 e che non molla la presa sicuramente con la Pandemia del Covid-19.

Infine, a favorire i truffatori, ci si mette pure la tecnologia. Dato che la diffusione di smartphone e tablet ha permesso un più facile approdo ai mercati finanziari. Quindi, molti utenti hanno finito per scambiare il trading online per un gioco. Ecco perché parlare di giocare in borsa diventa tanto più pericoloso.

Giocare in Borsa opinioni

Quali sono le opinioni riguardo il Giocare in Borsa? Naturalmente, ci troviamo di fronte a due opinioni opposte.

La prima di natura onesta, che vi dirà che Giocare in Borsa non è uno scherzo. Che occorrono anni di esperienza, dedizione, voglia di formarsi, affidarsi ai canali giusti, cercare di temprare il proprio carattere. Ad esempio conviene usare piattaforme sicure che non applicano commissioni come eToro o altre.

Per fare profitti non bisogna mai smettere di studiare e formarsi, ci sono ottime guide sul web come questa che permettono di acquisire le basi per partire subito.

Poi ci sono le opinioni da parte di chi ha tutto l’interesse affinché voi vi buttiate nella mischia, iscrivendosi ai loro broker truffaldini. In particolare, facendo leva sulla voglia dell’utente medio di guadagnare velocemente, senza fatica.

Magari vi proporrà anche un link alla fine del suo bel discorsetto, perché affiliato al Broker in questione. Perché alla fine queste truffe si basano sul sistema piramidale, detto anche Schema Ponzi. Dove il profitto non scaturisce dalla vendita di beni o servizi. Ma dall’ingresso di nuovi soci adescati nella trappola. Un sistema destinato presto a fallire.

Questo genere di attività è severamente vietato dalla normativa italiana dal 2003.

Giocare in Borsa tasse

Quali sono le tasse che si pagano quando si gioca in Borsa? Il regime fiscale riguardo il trading è cambiato a partire dal 2011, quando la circolare 102/E di ottobre dell’Agenzia delle Entrate ha introdotto il fatto che i redditi, se percepiti da persona fisica non esercente attività d’impresa, sono soggetti ad imposta sostitutiva. La quale a sua volta è cambiata negli anni.

Oggi in vigore c’è una aliquota del 26% (dal 1º luglio 2014). Mentre prima era del 20% e prima ancora del 12.5%.

I redditi provenienti dal trading online che fanno da base imponibile, sono dati dalla somma algebrica dei differenziali positivi o negativi. Nonché degli altri proventi od oneri, percepiti o sostenuti.

Si tratta quindi a tutti gli effetti di Plusvalenze di natura finanziaria, che includono anche CFD, futures e forward.

1 COMMENT

  1. Qual è la differenza tra comprare azioni in Banca e Giocare in Borsa online ?

    Oltre ai costi di cui abbiamo parlato c’è una differenza fondamentale. Acquistando azioni tramite la Banca diventate azionisti di quella società e dunque dovete augurarvi solo che vada bene in Borsa altrimenti perdete denaro. Se fate trading invece non c’è il costo dell’acquisto iniziale e potete negoziare sul prezzo con meno capitali spalmando i rischi nel tempo. Le perdite sono minori e non correte il rischio di acquistare un titolo che un giorno potrebbe non volere nulla.

    Io regolarmente uso 24option per il trading di titoli azionai e mi trovo benissimo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here