Comprare azioni Saras: guida, previsioni e quotazione

Saras è uno dei colossi petroliferi italiani, noto anche per essere legato alla famiglia Moratti, storica proprietaria dell’Inter per diversi decenni. La Saras è anche quotata in Borsa ed è dunque lecito porsi qualche domanda riguardo il comprare azioni Saras.

Per esempio, è opportuno prima di investire in questo stock conoscere bene cos’è la Saras, se conviene investire sulle sue azioni emesse, dove comprare azioni Saras.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con Capital.com (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili per poter essere subito operativi sui titoli azionari.

Per saperne di più sugli strumenti di Capital.com clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Saras: chi è

Chi è Saras? Saras è una società per azioni italiana nata nel 1962, che si occupa della raffinazione del petrolio e di produzione di energia elettrica. E’ uno dei principali player europei del settore.

La società è quotata presso la Borsa valori di Milano nell’indice FTSE Italia Mid Cap.

Comprare azioni Saras

A fondarla fu Angelo Moratti (che in quegli anni era anche Presidente della Grande Inter di Herrera) fin da subito con la denominazione di S.A.RA.S. (acronimo di Società Anonima Raffinerie Sarde) e inaugurata quattro anni dopo.

La raffineria di Sarroch – posizionata sulla costa a sud-ovest di Cagliari – è una delle più grandi del Mediterraneo per capacità produttiva (15 milioni di tonnellate all’anno, pari a 300.000 barili al giorno) e una delle più complesse dal punto di vista operativo.

La raffineria viene gestita dalla controllata Sarlux SrL e può arrivare a gestire oltre un quinto del totale della lavorazione complessiva delle raffinerie italiane (dall’alto dei suoi 300mila barili giornalieri).

Nel 2001 il gruppo Saras ha intrapreso anche l’attività di produzione e vendita di energia elettrica mediante un impianto di gasificazione a ciclo combinato (IGCC), che ha una potenza installata di 575 megawatt. Sempre gestito da Sarlux SrL. Da solo copre quasi la metà del fabbisogno dell’intera Sardegna.

Non manca però la produzione di energia tramite rinnovabili, come il parco eolico sito nel comune di Ulassai, operativo dal 2005 e gestito dalla controllata Sardeolica SrL. Vanta una capacità installata pari a 96MW.

Nel 2009 Saras è stata la prima raffineria in Italia ad ottenere l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), che riconosce il percorso di miglioramento delle caratteristiche tecniche e strutturali degli impianti e del sito produttivo al fine di minimizzare l’impatto ambientale delle attività produttive

Nel corso del 2013 la compagnia petrolifera pubblica russa Rosneft arriva a controllare attraverso 2 scalate distinte, il 21% della società. Quote che però i russi cederanno in altrettante volte tra il 2015 e 2017 ad un gruppo di investitori internazionali.

A seguito della morte del presidente Gian Marco Moratti avvenuta il 26 febbraio 2018, la presidenza è passata al fratello Massimo. Noto per essere stato Presidente dell’Inter per un ventennio, tra la metà anni ‘90 e gli anni ‘10 del 2000.

Come tutte le aziende petrolifere, Saras non è esente da critiche e controverse, riguardo l’inquinamento perpetrato in Sardegna ma anche per alcuni casi di operai morti.

❓Chi èSocietà per azioni italiana nata nel 1962, che si occupa della raffinazione del petrolio e di produzione di energia elettrica
🏦 SettoreEnergia / Petrolio
👍 SedeSarroch
💻 QuotazioneBorsa di Milano – Ftse Mib
👍 TickerSRS
🥇Migliore piattaforma per investire sul titoloeToro
🥇Miglior broker per trading azionarioCapital.com

Piattaforme per investire in azioni

Se vi interessa l’investimento in azioni potete utilizzare una di queste piattaforme regolamentate:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Copy trading su azioniCommissioni basseISCRIVITI
Intelligenza artificiale / MetatraderSpread ridottiISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali di tradingISCRIVITI
Numerose azioniConti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

si tratta dei broker migliori, registrati in Consob e con licenza dunque sicuri.

Azioni Saras: dati societari

Contatti

  • Indirizzo: S.S. Sulcitana n.195 – Km 19°, 09018 Sarroch
  • Telefono: 07090911
  • Fax: 070900209

Consiglio di amministrazione

  • Presidente: Massimo Moratti
  • Amministratore delegato e direttore generale: Dario Scaffardi
  • Consiglieri: Angelo Moratti, Angelomario Moratti, Gabriele Moratti, Giovanni Moratti
  • Consiglieri indipendenti: Gilberto Callera, Adriana Cerretelli, Laura Fidanza, Isabelle Harvie-Watt, Francesca Luchi, Leonardo Senni

Azionariato

  • Massimo Moratti S.a.p.A. di Massimo Moratti – 20,011%
  • Angel Capital Management S.p.A. – 10,005%
  • Stella Holding S.p.A. – 10,005%
  • Saras S.p.A. – 0,970%
  • Altri – 59,009%

Controllate

  • Deposito di Arcola Srl – Arcola (SP) – 100%
  • Sarlux Srl – Sarroch (CA) – 100%
  • Sartec Saras Ricerche e tecnologie Srl – Assemini (CA) – 100%
  • Sarint SA – Lussemburgo – 100%
  • Sardeolica Srl – Cagliari – 100%
  • Saras Trading SA – Ginevra (Svizzera) – 100%

Dove comprare azioni Saras

Le aziende petrolifere quotate in borsa meritano particolare attenzione sia dal punto di vista tecnico ma anche fondamentale, dato che sono soggette ad altre dinamiche influenti.

Come quelle geopolitiche e tecnologiche, ma anche fattori economici esterni legati all’andamento industriale, tra gli altri. Per questo motivo è importante monitorare la quotazione petrolio se si vuole investire in questo settore.

Il trading tramite Contract for difference consente di cogliere le migliori occasioni dovute a rialzi e ribassi del titolo, posizionandosi long o short a seconda della previsione.

Vediamo i migliori broker per investire sulle azioni Saras tramite trading CFD.

eToro

Il broker eToro rientra di diritto nella Top 5 dei migliori broker anche nel 2022. I motivi sono sempre quelli, da 15 anni: sicurezza, servizi, convenienza.

Per quanto concerne la sicurezza, infatti vanta tre licenze prestigiose: CySEC, FCA e ASIC.

Oltre a ciò, eToro si distingue anche per i vari servizi che offre. Unici nel loro genere. Come:

  1. CopyTrader: una evoluzione del Mirror trading già esistente in precedenza. Consente di copiare quanto fanno i trader più bravi iscritti alla piattaforma, chiamati Popular Investors.
  2. Social trading: si tratta di una esclusiva di eToro: permettere ai trader di interagire tra loro come fossero su un social network vero e proprio. Quindi, condividono, commentano o reagiscono a post degli altri e ne postano di propri.
  3. Smart portfolios: (ex CopyPortfolios) sono pacchetti di asset divisi per categoria e performance. Ne troviamo di cinque tipi: a) Top Trader Portfolios che comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita; b) Market Portfolios che raggruppano una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF, secondo un tema predefinito; c) Partner Portfolios, a loro volta divisi in: Tipranks, una società di software per analisi di borsa, WeSave, un robo-advisor francese, e Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario; d) MetaversLifeportfolio, formato principalmente ad azioni e asset crypto che siano strettamente correlati allo sviluppo del metaverso. Si va quindi da criptovalute come Sanbox e Decentraland, ad azioni di società come Apple, Amazon e Nvidia; e) BatteryTech smartportfolio, che include l’ecosistema delle aziende coinvolte nel ciclo di produzione delle batterie. Si va dalle società minerarie che estraggono la materia utile alle società produttrici delle batterie stesse

Il Conto demo è di 100mila euro virtuali, ed è un broker spread-only, mentre le commissioni riguardano solo alcuni tipi particolari di trades (come quelli overnight o tenuti aperti nel weekend), conti dormienti, prelievi, ecc.

Infine, il broker ha di recente deciso anche di ridurre drasticamente il proprio deposito minimo. Passato dai precedenti 200 euro a 50 euro.

Puoi aprire un conto demo su eToro da qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Capital.com

Il broker Capital.com pure merita di entrare nell’Olimpo dei migliori broker 2022.

Anche qui troviamo le stesse licenze possedute da eToro, commissioni contenute, trades spread-only. Inoltre, su alcune coppie di valute più popolari lo spreads 0.0.

Il deposito minimo è di 20 euro, per accedere al conto base. Capital.com ha una propria piattaforma nativa, ma per gli abitudinari mette a disposizione la sempre benvoluta MT4.

Capital.com riceve spesso degli awards per i servizi che offre. Come l’Intelligenza artificiale integrata alla piattaforma, che ti consiglia passo dopo passo nelle operazioni di trading.

Per quanti vogliono fare pratica senza rischiare il proprio capitale, Capital.com ha pensato di offrire una app apposita: Investmate.

Non manca poi una formazione teorica gratuita sul trading con pratici corsi e video sul trading, pieni di informazioni, webinar di trading realizzati da esperti del settore e un glossario dei termini di facile comprensione.

Troverai anche un conto demo, di 10mila euro virtuali. Nonché la possibilità di attivare notifiche push o i segnali di trading, per cogliere le migliori occasioni date dai movimenti delle azioni Saras.

Per aprire un conto di trading su Capital.com vai qui.
79.17% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

FP Markets

Il broker FP Markets è una piattaforma di trading australiana, attiva dal 2015 ma gestita dall’omonima società che è attiva da 40 anni nel settore finanziario.

L’aspetto curioso è che FP Markets ha sede proprio vicino a quella dell’organismo preposto al controllo sui mercati finanziari: l’ASIC. Che ha rilasciato la propria licenza, ma possiede anche quella CySEC per poter operare nei paesi dell’area Ue.

Ecco alcune caratteristiche di questa piattaforma di trading del continente oceanico:

  • Forex: 60+ coppie di valute
  • Azioni: 10,000+ titoli azionari
  • Materie Prime: diversa scelta, tra cui Oro, petrolio, argento, ecc.
  • Trading con spreads bassi a partire da 0,0 pips
  • Esecuzione rapida da una struttura server NY4
  • Liquidità di alto livello e prezzi bassi, 24/5
  • Nessun dealing desk e nessuna riquotazione

Ed ancora, questi sono alcuni servizi che vi troverai:

  • Accesso ai corsi di formazione FP Markets sul Forex Trading
  • Piattaforme: Metatrader 4 (MT4) e Metatrader 5 (MT5), WebTrader e app mobili per iPhone e dispositivi Android
  • Portale clienti avanzato per monitorare il tuo trading in tempo reale
  • Server Virtuali Avanzati ( VPS), soluzioni per Expert advisors (EAs), scalping e auto-trading

Il deposito minimo è di 100 euro, mentre il conto demo è di 100mila euro virtuali.

Puoi aprire un account gratuito su FP Markets cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Quotazione e grafico Saras

Ecco il grafico della quotazione in tempo reale delle azioni Saras.

Analisi Fondamentale azioni Saras

Saras da tempo ha deciso di non rivolgersi più al mercato russo. Diciamo anche dal 2017, quando Igor Sechin, capo di Rosneft (il gigante petrolifero statale russo), sedeva nel CDA e la società deteneva ancora il 12% delle azioni.

Una scelta che però oggi potrebbe rivelarsi vincente, data la situazione in Ucraina, col resto dell’Europa che vuole abbandonare il mercato russo.

Tuttavia, ci sono altri problemi come il blocco delle esportazioni dal nord dell’Iraq e il rallentamento delle importazioni dal Mar Nero, data la guerra in corso che riguarda proprio quella fascia geografica. Il tutto, sta creando una mancanza molto forte di petrolio grezzo ma anche di prodotti finiti.

Questa situazione sta anche aumentando molto la domanda di prodotti petroliferi, con positivi risvolti sul settore della raffinazione. Insomma, la maggior richiesta di benzina e gasolio, e il contemporaneo calo di offerta, aiuta i conti dei petrolieri.

Le turbolenze dei mercati, massime in questo periodo, non consentono di prevedere prezzi stabili sia delle materie prime che dei prodotti finiti, ma di certo le raffinerie che marceranno a pieno regime avranno numeri operativi più che interessanti.

La Saras sta anche puntando forte sull’energia rinnovabile, con programmi di potenziamento almeno fino al 2025. Il che potrebbe portare ad una maggiore diversificazione e a sopperire eventuali problemi legati agli idrocarburi.

La società prevede di chiudere l’anno con un segno più.

Dati finanziari

Il bilancio del 2021 si chiude con una perdita di 136 milioni, migliore rispetto ai 197 milioni dell’anno precedente. Ciò è dovuto alla ripresa registrata nei margini di raffinazione (in pratica il guadagno finale su ogni barile di petrolio raffinato) a partire dal secondo semestre.

Migliora l’indebitamento, che scende a 453 milioni di euro (al 31 dicembre 2020 era a 505 milioni di euro). Tuttavia, peggiora la disponibilità liquida che cala di quasi 200 milioni nel 2021, fermandosi a 301 milioni.

Prosegue l’ampliamento degli investimenti nelle energie rinnovabili, che si prevede arrivi a 500 megawatt di potenza installata entro il 2025, quasi tutta sul fronte eolico.

Modello di Business

Il business del Gruppo Saras si concentra soprattutto nel settore dell’energia e raffinazione del petrolio. Vende e distribuisce prodotti petroliferi sul mercato nazionale e internazionale. Il Gruppo è inoltre attivo anche nel settore della produzione di energia elettrica tramite eolico.

Non mancano poi servizi di ingegneria industriale e di ricerca per il settore petrolifero, dell’energia e dell’ambiente.

Il Gruppo Saras conta circa 1.572 dipendenti e presenta ricavi pari a circa 8,6 miliardi di Euro al 31 dicembre 2021 (circa 5,3 miliardi di Euro al 31 dicembre 2020).

Competitors

Una approfondita analisi fondamentale di una società quotata in borsa, non può prescindere dall’analisi dei suoi principali concorrenti. Vediamo quali sono i principali concorrenti del gruppo Saras.

  1. Sonatrach: impresa pubblica algerina specializzata nell’industria petrolifera. Oltre alla attività di raffinazione, si occupa anche di ricerca, produzione e commercializzazione di idrocarburi.
  2. Tamoil: filiale del gruppo Oilinvest, propone anch’essa servizi di raffinazione del petrolio. Ma è anche attiva nell’approvvigionamento, trading e vendita di prodotti petroliferi.
  3. ENI: è presente in diversi settori connessi a petrolio, gas naturale, petrolchimica e alla produzione di energia. Svolge le sue attività a livello internazionale in 71 paesi ed impiega 32.000 dipendenti nel mondo.

Previsioni azioni Saras 2022-2025

Quali sono le previsioni delle azioni Saras per i prossimi anni? Come sempre, diamo un’occhiata agli ultimi 5 anni per capire le recenti tendenze.

Ad onor del vero, partendo dalle origini, le azioni Saras non hanno mai brillato in Borsa. Partite da un prezzo di 5 euro, lo hanno gradualmente dimezzato nel giro di 2 anni, senza più riprendersi. Per tutti gli anni a venire, hanno fatto fatica a rompere la resistenza dei 2 euro, ed anzi, hanno pure perso il supporto di 1 euro con l’arrivo della Pandemia che, come noto, ha flagellato il mercato petrolifero.

Al momento della scrittura ha rotto il tabù di 1 euro di prezzo e potrebbe finalmente nel corso del 2022 ritrovare il prezzo dei 2 euro. Anche grazie agli incoraggianti dati finanziari, la ripresa industriale e ad un maggior investimento nelle rinnovabili.

L’uscita dal mercato russo già da qualche anno potrebbe rappresentare un vantaggio rispetto alla concorrenza. Tuttavia, come sempre, predichiamo prudenza.

Azioni Saras: domande frequenti

Chi è Saras?

Si tratta di un’azienda petrolifera operativa principalmente in Sardegna, fondata nel 1962 da Angelo Moratti. Succeduto negli anni dai suoi figli. Saras è una delle principali compagnie petrolifere e del gas europee, ma da qualche anno sta investendo massicciamente nell’eolico.
Non sono mancate accuse relative all’inquinamento e alla scarsa sicurezza in favore degli operai.

Conviene investire in azioni Saras?

Il titolo è sottoposto ad una tendenza shortista ormai atavica, aggravata dalla Pandemia che lo ha portato sotto 1 euro di valore. Il 2022 potrebbe però essere l’anno della ripresa anche in Borsa, alla luce degli incoraggianti dati finanziari, la ripresa industriale e ad un maggior investimento nelle rinnovabili.

Dove comprare azioni Saras?

Consigliabili sono broker come eToro, Capital.com e FP Markets.

Azioni Saras: riepilogo

Conclusioni

Saras è una società per azioni italiana nata nel 1962, che si occupa della raffinazione del petrolio e di produzione di energia elettrica. E’ uno dei principali player europei del settore.

La società è quotata presso la Borsa valori di Milano nell’indice FTSE Italia Mid Cap.

Al momento della scrittura ha rotto il tabù di 1 euro di prezzo e potrebbe finalmente nel corso del 2022 ritrovare il prezzo dei 2 euro. Anche grazie agli incoraggianti dati finanziari, la ripresa industriale e ad un maggior investimento nelle rinnovabili.

Già dal 2017 ha rotto ogni rapporto col mercato russo e ciò potrebbe costituire un vantaggio rispetto alla concorrenza che lo sta facendo adesso.

Per investire nelle azioni Saras consigliamo sempre broker sicuri come possono essere quelli con licenza europea.

Ad esempio è fondamentale iniziare dalle piattaforme che offrono demo gratuite. Vi segnaiamo i link ufficiali mediati dal nostro server in modo da garantirvi iscrizione e accesso sicuri:

Sono le piattaforme più usate in Italia, con conti gratuiti demo senza alcuna limitazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here