Indice Ftse mib migliore borsa eurozona, avanza dello 0,45% a 23.630 punti

L’indice Ftse Mib ha chiuso la seduta di Martedì 17 Dicembre in rialzo dello 0,45%, a 23.630 punti, facendo registrare la seconda sessione consecutiva con il segno “più“. Il principale listino azionario milanese di è distinto quale miglior borsa del Vecchio Continente, a dispetto delle deboli performance le performance del Dax di Francoforte (-0,9%), del Cac 40 di Parigi (-0,4%) e dell’lIbex 35 di Madrid (-0,6%).

In evidenza il titolo FCA, in rialzo dello 0,95%, con il gruppo automobilistico italo-americano vicino alla firma dell’accordo di fusione con la francese PSA. Bene anche Atlantia, in progresso del 2,6%, dopo il rinvio della decisione del governo sulle concessioni autostradali. Denaro sulle utility: Italgas (+2,3%), Terna (+1,5%) e Hera (+1,4%),

Indice Ftse Mib che ha beneficiato dell’ottima lettura del saldo della bilancia commerciale italiana del mese di Ottobre, che ha fatto registrare un avanzo di 8,057 miliardi di euro, in netto miglioramento rispetto al surplus di 991 milioni di euro dello stesso periodo del 2018.

Buono anche il confronto con la rilevazione di Settembre, che invece aveva mostrato un surplus di 2,686 miliardi di euro, rivisto lievemente al ribasso rispetto ai +2,779 miliardi di euro della lettura flash. Sempre nel mese di Ottobre è inoltre emerso che le esportazioni sono aumentate del 4,3% su base annua; mentre le importazioni sono scese del 5,8%.

Da ulteriori dettagli è inoltre emerso che la bilancia commerciale riferita alla sola UE ha registrato un avanzo di 2.095 miliardi di euro, spingendosi oltre i +1,162 miliardi di euro della stima finale di Settembre, corretta al ribasso da 1,255 miliardi di euro della prima comunicazione. L’export verso l’Unione Europea ha mostrato un incremento dell’1,2% su base annua; mentre l’import si è contratto del 3,4%.

L’ISTAT ha certificato la debolezza del tasso d’inflazione in Italia nel mese di Novembre, assestatosi nella stima finale allo 0,2% su base annua, in linea con valore di Ottobre, ma sotto lo 0,4% della comunicazione flash. In calo dello 0,2%, invece, la lettura dell’indice nazionale dei prezzi al consumo su base mensile. La cosiddetta inflazione di fondo, al netto delle componenti energetiche ed alimentari freschi, sempre a Novembre, è invece rimasta stabile a +0,7%.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con ForexTB (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui principali indici azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento future indice ftse mib sul breve-medio periodo


Come è facile notare sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, il FIB sta cercando di annullare la candela ribassista disegnata Venerdì 13 Dicembre. L’impostazione tecnica risulta essere rialzista sia sul brevissimo che sul breve periodo, in quanto le quotazioni si trovano al di sopra delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni.

Tuttavia per una continuazione del rialzo il prezzo del derivato dell’indice Ftse Mib dovrebbe rompere il massimo fatto registrare dalla candela rossa del 13 Dicembre, ovvero quota 23.850 punti, per poi puntare ad area 24.000-24.200, in prima battuta e successivamente in area 24.400-24.600 punti.

La prima area di supporto di brevissimo si colloca invece in area 23.325-23.205 punti, un livello su cui transitano in successione le medie mobili a 10 e 25 giorni (rispettivamente la linea azzurra e la linea rossa sul grafico). Il principale sostegno multiday, invece, si colloca sulla media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che transita in area 22.925 punti.

Pattern di trading sul future indice Ftse Mib (fib) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma con close oraria maggiore di 23.710 punti e pronostica i primi due target price in area 23.820 e 23.910 punti; stop loss in caso di discesa sotto 23.610 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni al rialzo in caso di allungo oltre 23.910 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 23.990 punti e successivamente a 24.080 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 23.710 punti in chiusura di oraria o di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 24.080 punti, per cercare di prendere profitto in area 24.230 e 24.325 punti, estesa a 24.475 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 23.820 punti in chiusura di candela oraria. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 22.765 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a 22.905 e 22.990 punti, estesi a 23.205punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 22.540 punti in chiusura daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria sotto 23.610 punti, e fissa i primi due obiettivi in area 23.520 e 23.375 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 23.710 punti. Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 23.375 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 23.305 punti e successivamente a 23.205 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 23.630 punti in chiusura oraria o daily.

Lecito attivare nuove posizioni corte con chiusura oraria minore di 23.205 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 22.990 e 22.905 punti, estesi a 22.765 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 23.375 punti in chiusura oraria. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 24.475 punti, in ottica di veloci pull-back di prezzo a 24.325 e 24.230 punti, estesi a 24.080 punti; stop loss in caso di allungo oltre 24.630 punti in chiusura di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net