Leva finanziaria: come funziona e come usarla nel trading

La leva finanziaria è uno dei tanti strumenti che si possono utilizzare quando si fa trading online, ma di cos’è esattamente?

Potremmo dire semplicemente che si tratta di una modalità che permette ai trader di innalzare il proprio potere d’acquisto, moltiplicando sia il budget di partenza, sia i risultati dell’investimento.

Questo strumento ha da sempre esercitato un grande magnetismo sugli investitori per diversi motivi, non solo per le sue caratteristiche intrinseche. Insomma moltiplicare a livello esponenziale capitali, o eventuali profitti, è sicuramente molto interessante, ma come si può gestire nel modo giusto questo strumento?

In questa guida cercheremo di capire con più precisione come funziona la leva finanziaria, su quali mercati può essere applicata e quali rischi comporta il suo utilizzo e come si può fare trading in sicurezza.

In ogni caso è importante sapere che quasi tutte le maggiori piattaforme di trading mettono a disposizione la leva finanziaria e seguono con estrema precisione le linee guida dell’ESMA, che ha regolamentato l’utilizzo della leva.

La soluzione migliore per fare trading online è ancora oggi quella delle le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come il copy trading per poter copiare le strategie dei migliori investitori o interi asset di mercato. Per saperne di più sul social trading di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Definizione Leva Finanziaria

Prima di affrontare il funzionamento della leva finanziaria è importante capire cosa sia questo particolare strumento.

Come abbiamo già anticipato, la leva finanziaria permette di moltiplicare e amplificare l’operatività su un determinato asset, anche se il capitale per l’investimento è contenuto. Quindi oltre a poter “aumentare” il proprio capitale di partenza, sarà anche possibile moltiplicare i risultati.

Attenzione però, perché la leva funzionerà sia in caso di profitti, sia di perdite, perciò è fondamentale utilizzare questo strumento con consapevolezza. In ogni caso la leva finanziaria è una funzionalità tipica del trading di CFD e quasi tutti i broker online offrono questo servizio ai propri utenti.

Conviene usare la leva finanziaria?

Di conseguenza possiamo dire che, nel momento in cui andrete ad investire con la leva finanziaria, la piattaforma di trading vi chiederà solo una piccola parte del capitale, che verrà impiegato per mantenere la posizione. Va comunque ricordato che la perdita o il profitto che otterrete sarà basato proprio sull’intera esposizione, aumentando anche di molto la somma che avevate investito.

In alcuni casi potrebbe anche superare il margine, ovvero il requisito di deposito relativo al broker utilizzato. Questa cifra, che i broker richiedono per permettere l’apertura di un conto, è necessaria per coprire le vostre eventuali perdite.

Piattaforme che offrono la leva finanziaria

Tra i broker consigliati, tutti regolamentati e che seguono le disposizioni dell’ESMA, troviamo i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI
plus500Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
ForexTBSpread bassi, CFDSegnali gratisISCRIVITI
Xm.comBonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Leva Finanziaria e margine

Per parlare di leva finanziaria e avere ben chiaro il suo funzionamento, bisogna prima spiegare cosa sia il margine. Infatti margine e leva sono argomenti intrecciati tra loro e rappresentano uno dei concetti più complicati e importanti, per chi decide di fare trading online.

Questo perché la leva funziona diversamente rispetto alle normali modalità d’investimento, come quelle sul mercato azionario. In questi casi infatti, nel momento in cui si decide di investire su un titolo, si riceveranno un numero di azioni che varierà a seconda del capitale stesso.

Quindi dividendo il capitale d’investimento per il prezzo di una singola azione, sarà possibile sapere quante azioni si possiedono. Questo discorso però non vale nel trading di CFD, o comunque nel trading online, visto che in questo settore si può investire anche con capitali piuttosto contenuti.

Infatti grazie alla leva finanziaria i broker permettono agli utenti di investite più denaro rispetto a quello presente sul conto di trading, applicando però un margine. Questo margine altro non è che un importo, stabilito dallo stesso broker online, richiesto al trader per aprire un conto ed eseguire operazioni di trading.

Per cui possiamo dire che leva finanziaria e margine sono connessi al punto che la leva è un effetto del margine, che è richiesto da ogni broker. Facciamo un esempio. Nel caso in cui si voglia portare a termine un’operazione con un controvalore di 10.000 euro, il broker di trading potrebbe richiedere un margine, quindi una cifra presente sul conto, di 1.000 euro.

Insomma il broker permette all’utente di utilizzare una leva finanziaria, in questo caso di 1 a 100, ma richiede di avere sul conto una somma per poter coprire le eventuali perdite e per eseguire la stessa operazione.

Come funziona la leva finanziaria

Vediamo adesso di capire come funziona la leva finanziaria e come è possibile investire utilizzando questa particolare modalità. Però, per poter chiarire meglio questo passaggio, è bene fare affidamento su un esempio.

Poniamo un particolare mercato che richiede un margine del 10%. questo significa che con soli 100 euro sarà possibile ottenere l’esposizione d’investimento che si avrebbe con 1.000 euro. Di conseguenza possiamo dire che la leva finanziaria applicata è di 10 : 1, ossia 10 volte il valore.

Continuando con l’esempio, mettiamo che vogliate comprare mille azioni del valore di 1 euro, portando quindi avanti un’operazione del costo di 1.000 euro. Alcuni broker online però offrono l’opportunità di acquistare azioni usando la leva finanziaria, versando semplicemente un margine.

In questo modo si andrà a versare solo una percentuale dell’intera somma, quindi solo una parte dei 1000 euro, in cambio di un’esposizione totale. Se il margine iniziale è del 10%, dovrete pagare 10% x 1 euro x 1000 azioni = 100 euro. Invece se il prezzo dell’azione dovesse salire da 1 euro a 1,20 euro realizzereste lo stesso profitto di una transazione senza leva.

A questo punto cosa possiamo dedurre? Semplice. Pur avendo realizzato lo stesso profitto in entrambi i casi, utilizzando la leva finanziaria avete sostenuto un costo di soli 100 euro e non l’intera somma di 1.000 euro.

È bene ricordare che, anche se la leva finanziaria è un ottimo strumento per fare trading online, è in grado di amplificare sia i profitti che le perdite. Quindi va utilizzata con attenzione perché, se il mercato oscilla a vostro sfavore, potreste arrivare perdere e a superare il deposito iniziale.

Trading in leva con le migliori piattaforme

Come abbiamo visto la leva finanziaria è uno strumento tipico del trading online. Proprio per questo quasi tutti i broker offrono la possibilità di adoperare la leva, tuttavia non tutte le piattaforme sono uguali.

Infatti è fondamentale orientarsi verso il broker che si adatti meglio alle vostre esigenze d’investimento e che rispecchi determinati standard. In primo luogo consigliamo di affidarsi solo a broker autorizzati e regolamentati da enti di controllo come CONSOB e CySEC, ma non è tutto.

È opportuno verificare la presenza di modalità demo e dei costi relativi a commissioni, spread e deposito. Le migliori piattaforme di trading infatti non obbligano a depositare alti capitali e, proprio grazie alla presenza della leva finanziaria, permettono di fare trading anche con piccole somme.

Tra le migliori piattaforme di trading con leva finanziaria possiamo sicuramente trovare eToro, OBRinvest e Plus500. Ma vediamo di conoscere meglio questi broker.

eToro

eToro è uno dei broker CFD più conosciuti, largamente diffuso tra gli utenti principianti. Infatti la piattaforma si distingue per la grande semplicità e intuitività dell’interfaccia e per la presenza di funzioni come il Copy Trading e il Social Trading.

Questi due strumenti semplificano di molto la pratica del trading, permettono di acquisire esperienza e di imparare le meccaniche dei mercati. Il tutto gratuitamente. In particolare il Copy trading permette agli utenti di copiare l’operatività dei trader professionisti, mentre il Social Trading è uno spazio dedicato al confronto e alla condivisione di consigli e strategie d’investimento.

In entrambi i casi però ci troviamo davanti a strumenti che permettono anche agli utenti principianti di poter operare e, allo stesso tempo, imparare dagli investitori migliori e di approfondire le conoscenze del trading.

C’è poi da considerare il fatto che eToro è una piattaforma di trading completamente gratuita e che non applica alcun tipo di commissione. Inoltre dispone di una vasta gamma di asset d’investimento tra cui scegliere come criptovalute, indici, materie prime, valute e molto altri.

Infine eToro dispone di un conto demo che permette di investire utilizzando denaro virtuale. In questo modo potrete operare senza correre rischi, affinando le vostre capacità e prendendo dimestichezza con la piattaforma.

Infine non possiamo non citare gli alti standard di sicurezza garantiti da eToro, broker che ricordiamo essere regolamentato e autorizzato.

Puoi iniziare a fare trading con eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

OBRinvest

OBRinvest è un’altra piattaforma d’investimento su cui è possibile utilizzare una leva finanziaria per fare trading. anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un broker regolamentato ed autorizzato ad operare.

Su OBRinvest è una piattaforma che non impone alcun tipo di restrizione sui prelievi e offre una leva finanziaria in linea con i regolamenti europei. In particolare facciamo riferimento ad una leva di 1 : 30, per i trader retail.

Un altro aspetto distintivo di OBRinvest è la velocità di elaborazione delle richieste e la possibilità di utilizzare carte. In ogni caso anche su questo broker potrete trovare diversi asset d’investimento tra cui scegliere come ad esempio azioni, indici, materie prime, ETF, Criptovalute e molto altro.

Per utilizzare i comodi segnali di trading di OBRinvest vai qui.
78,15% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Plus500

Veniamo infine a Plus500, una piattaforma di trading estremamente apprezzata dai trader per il suo utilizzo semplice e per la possibilità di operare sui CFD.

Ovviamente anche questo broker online permette di utilizzare una leva finanziaria per aumentare l’esposizione sul mercato e amplificare i risultati dell’investimento. Ma ciò che rende Plus500 una piattaforma apprezzata è la presenza di grafici e analisi approfondite, fondamentali per interpretare gli andamenti del mercato.

Inoltre questo broker permette di operare su asset come azioni, coppie del Forex, materie prime, criptovalute, ETF, opzioni e indici. Per quanto riguarda la leva finanziaria possiamo dire che, anche in questo caso, si potrà sfruttare una leva di 1 : 30, ma che può variare a seconda dell’asset di riferimento.

Puoi iniziare a fare trading CFD con Plus500 partendo da qui.
72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro.

Leva finanziaria nel Forex

La leva finanziaria è uno strumento che può essere utilizzato su diversi asseto d’investimento, come ad esempio nel Forex trading.

Bisogna sapere che anche questo mercato ha potenzialità piuttosto interessanti, soprattutto si sei decide di utilizzare una leva finanziaria. Come molti sapranno il Forex è un mercato incentrato sulle valute e che normalmente possiede una leva più elevata rispetto ad altri mercati.

Tuttavia, con l’emanazione dei regolamenti redatti dall’ESMA, anche questa leva finanziaria è stata ridimensionata. Nello specifico i clienti base potranno usufruire di una leva di 1:30, che comunque rimane piuttosto alta se paragonata a quelle dei Bitcoin che è solo di 1 : 2.

Formula Calcolo Leva Finanziaria

Per poter fare trading e applicare una leva finanziaria in modo consapevole, è bene sapere come calcolare il risultato prodotto da questo strumento.

In particolare possiamo dire che il calcolo della leva finanziaria è dato dal rapporto tra l’importo investito e il capitale detenuto, ovvero bisognerà dividere il totale passivo per il proprio capitale. Possiamo quindi dire che il valore della leva varia in funzione del capitale detenuto e dell’importo investito e maggiore sarà il valore della leva finanziaria, maggiore è la somma che può essere investita.

Detto questo, in base al risultato assunto dalla leva finanziaria si possono dedurre diverse cose. Infatti se col calcolo della leva finanziaria si ottengono valori alti, significa che il denaro investito è più redditizio dell’interesse sul debito e ci saranno più debiti che patrimonio netto.

Al contrario, se la leva finanziaria si attesta su valori bassi, l’impresa ha accesso a pochi finanziamenti e di conseguenza il rischio, e il rendimento, saranno più bassi.

Leva finanziaria: come limitare i rischi

Abbiamo visto come la leva finanziaria possa offrire agli investitori una modalità piuttosto semplice per investire con un’alta esposizione anche con capitali contenuti.

Tuttavia è fondamentale capire che questo strumento va utilizzato in modo consapevole, perché come per ogni altro strumento finanziaria bisogna sono presenti dei rischi.

Infatti dal momento che con questo strumento si può moltiplicare l’esposizione sui mercati, si andranno ad amplificare anche i risultati degli investimenti, siano essi positivi o negativi. Perciò a prescindere dal risultato dell’investimento, se deciderete di utilizzare una leva finanziaria, tenete presente che i risultati aumenteranno in funzione della leva stessa.

Tuttavia dopo aver capito il funzionamento della leva finanziaria, e quali sono i suoi rischi, sarà molto più semplice limitare gli eventuali risvolti negativi. Infatti potrete utilizzare strumenti come gli stop loss, oppure diversificando gli investimenti e utilizzando leve con moltiplicatori non eccessivi.

Soprattutto se siete alle prime armi è meglio iniziare con ordine, applicando prima leve finanziarie più basse e, una volta acquisita la giusta esperienza, provare con livelli più alti.

Ad esempio se siete agli inizi conviene partire da broker come eToro che sono facili da usare e permettono anche di copiare dai migliori investitori seguendoli proprio come si fa su un qualunque social network.

Per saperne di più sul Copy Trading di eToro clicca qui.

Limiti alla Leva finanziaria imposti dall’ESMA

La leva finanziaria, pur essendo uno strumento piuttosto utile, si contraddistingue per dei rischi che, se non considerati, possono esporre a delle perdite.

Proprio per questo motivo l’ESMA, ossia l’ente che regola gli intermediari finanziari e il funzionamento dei servizi, ha deciso di intervenire e normalizzare la situazione.

Questa scelta ha preso forma anche a causa dell’utilizzo sconsiderato della leva finanziaria eseguito da alcuni trader. Di conseguenza possiamo dire che l’ESMA ha stabilito delle limitazioni per la leva finanziaria, in base agli asset su cui viene applicata. Nello specifico abbiamo:

  • Forex, per le coppie più praticate, come EUR/USD, la leva massima prevista è di 1/30, mentre per le coppie minori è stato previsto un 1:20
  • Materie prime, vengono scambiate con una leva massima di 1:10, unica eccezione è l’oro per cui è prevista una leva di 1 :20
  • Indici minori: gli indici che appartengono a borse dei paesi emergenti possono offrire una leva massima di 1:10
  • Azioni, per questo asseto il limite massimo di leva è 1:5
  • Criptovalute, in questo caso abbiamo una leva massima di 1:2

Ricordiamo che tutti i broker che operano in Europa non possono in alcun modo infrangere i limiti imposti dall’ESMA. Di conseguenza tutte quelle piattaforme che offrono leve finanziarie con valori più alti, molto probabilmente, nascondono meccanismi poco trasparenti o addirittura truffe.

Leva finanziaria: le domande frequenti

Che cos’è la leva finanziaria?
La leva finanziaria è uno strumento che ci permette di investire su una grande varietà di asset, moltiplicando l’andamento del nostro investimento. Questo strumento è presente su quasi tutti i maggiori broker di trading online, come ad esempio eToro, Plus500 o OBRinvest.

La leva finanziaria è conveniente?
Come abbiamo visto la leva finanziaria può rivelarsi molto utile se applicata con la gusta cognizione. Chiaramente usare questo strumento in modo spregiudicato e senza la giusta esperienza esporrà il trader al alti rischi di perdita.

La leva finanziaria è rischiosa?
Come per qualsiasi strumento finanziario, anche la leva porta con sé dei rischi che è possibile limitare con la diversificazione e l’utilizzo consapevole di questo strumento. Ovviamente però è necessaria una buona preparazione e la consapevolezza che ogni investimento è rischioso di per sé.

Su quali asset si può usare la leva finanziaria?
La leva finanziaria può essere utilizzata su tutti gli asset che possono essere negoziati tramite CFD. In altre parole facciamo riferimento ad asset come Forex, criptovalute, azioni, materie prime o ETF. In generale tutte le piattaforme che offrono CFD permettono anche di applicare una leva facendo trading finanziario.

Quali sono i limiti della leva in Europa oggi?
Dopo che l’ESMA ha regolamentato l’utilizzo della leva finanziaria le caratteristiche di questo strumento sono state ridimensionate. Per fare alcuni esempi sulle coppie di Forex la leva massima è di 1:30, sulle materie prime varia da 1:10 a 1:20, mentre su azioni e criptovalute è fissata a 1:5.

Leva finanziaria

Conclusioni

La leva finanziaria è uno strumento utilissimo per il trading online e fa parte dei diversi strumenti offerti dai broker di CFD online.

Questo però non significa che il suo utilizzo sia semplice o privo di rischi, motivo per cui come tutti gli strumenti di investimento va conosciuto, valutato e utilizzato solo quando è necessario.

Ovviamente però non stiamo dicendo che la leva finanziaria sia una truffa, ma piuttosto che va usata con consapevolezza e integrata con una strategia d’investimento. Va detto però che la leva finanziaria non è un semplice moltiplicatore di guadagno, ma uno strumento che aumenta l’esposizione sugli asset d’investimento.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net