Dollaro meglio dell’oro come investimento post Brexit

Preferire il dollaro al metallo giallo che perderà quota dopo il boom registrato con la Brexit. È quanto sostiene Jim Rogers, uno dei fondatori del celebre Quantum Fund, fondo che in dieci anni registrò uno strabiliante rendimento del 4.200 per cento.

Dollaro come bene rifugio

La maggior parte degli analisti stima una crescita ulteriore dell’oro nelle prossime settimane, quale effetto dell’esito del referendum che ha sancito l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Non tutti però sono d’accordo con tali previsioni. Uno di questi è Jim Rogers, professore di finanza alla Columbia Business School, che ha dichiarato nelle scorse ore di “scommettere” più sul biglietto verde rispetto al metallo giallo.

Come un certo George Soros, Jim Rogers, come anticipato, è tra i co-fondatori del Quantum Fund, fondo americano che a cavallo tra il 1970 e il 1980 riuscì nella impresa di guadagnare il 4.200 per cento a fronte di un indice S&P di Wall Street in rialzo di poco meno del 50 per cento.

In una intervista concessa in esclusiva a Bloomberg, Rogers ha sottolineato come i prezzi dell’oro siano destinati a perdere quota nei prossimi mesi e pertanto l’acquisto dei lingotti sarà da preferire soltanto a partire dalla fine dell’anno in corso.

Una previsione che contrasta la recente analisi condotta da Bloomberg sulla base del parere di 12 tra i migliori economisti su scala globale, secondo cui il valore del metallo giallo sia invece destinato a crescere ancora di circa il 7 per cento rispetto alle quotazioni odierne.

Quotazione Oro in tempo reale

Oro previsioni 2016-2017

Dal primo gennaio 2016 l’oro ha guadagnato circa il 25 per cento, dopo le quotazioni in calo registrate nell’ultimo biennio.

Rogers ha sottolineato come il valore del metallo giallo è cresciuto troppo in questa prima parte dell’anno, una avanzata tanto repentina quanto sbalorditiva. Puntare su un asset che sta sovraperformando non è la scelta corretta per l’insegnante della Columbus. Per tale motivo preferisce investire, in qualità di bene rifugio, sul dollaro americano.

L’oro nel frattempo continua a crescere a Londra, oltrepassando quota 1.327 dollari, dopo che lo scorso venerdì aveva raggiunto un livello di 1.358 dollari, il valore più alto dai primi mesi del 2014, per un rialzo superiore agli 8 punti percentuali.

Buona parte degli economisti, a differenza di Rogers, ritiene però che il metallo giallo potrà superare quota 1400 dollari entro la fine dell’anno, in un range compreso tra i 1420 e 1430 dollari l’oncia.

Goldman Sachs nel frattempo sembra allinearsi apparentemente a quanto sostenuto da Rogers sui valori massimi delle quotazioni, anche se ha aggiornato al rialzo le stime sull’oro a 6 mesi e 12 mesi, rispettivamente a 1.280 e 1.250 dollari dai precedenti valori di 1.180 e 1.150 dollari.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net