Mediaset – Vivendi, nuovo riavvicinamento in vista?

Nella giornata di ieri Mediaset è stata temporaneamente sospesa dalle negoziazioni a Piazza Affari, dove registra importanti rialzi. Il perché non è certo difficile da immaginare: il titolo di Cologno Monzese è infatti al centro di nuove indiscrezioni (rilanciate dal’agenzia di stampa statunitense Bloomberg), secondo cui Vincent Bolloré si starebbe preparando a offrire una quota della propria Vivendi alla famiglia Berlusconi, al fine di risolvere la contrapposizione su Mediaset e, quindi, riprendere la collaborazione con la società italiana.

Ad ogni modo, precisa anche l’agenzia, i francesi non avrebbero ancora proposto alla famiglia Berlusconi una simile soluzione che – sostiene il dossier – potrebbe prevedere la cessione di azioni Vivendi o uno scambio con le quote possedute da Vivendi in Mediaset.

Pace in vista?

In ogni caso, si tratterebbe di un buon passo in avanti all’interno di una vicenda piuttosto complessa, nata prima come un potenziale matrimonio in orbita Premium, poi in una separazione (non consensuale), quindi in una promessa battaglia legale e quindi in un duro assalto francese alle televisioni di Cologno, con una scalata mal vista. Il male originario si chiama, comunque, Mediaset Premium: prima della scorsa estate, infatti, Vivendi ha rimesso nel cassetto un accordo che aveva precedentemente siglato con la società lombarda per l’acquisto della piattaforma di pay-tv e il contestuale scambio azionario di un pacchetto del 3,5 per cento del capitale. L’ultima tappa della vicenda risale invece agli ultimi mesi, quando Vivendi ha lanciato una scalata alla stessa Mediaset, con Bolloré in grado di portarsi vicino al 30 per cento del capitale sociale (oltre tale soglia dovrebbe lanciare obbligatoriamente un’Opa).

Nessun commento

Per il momento dalle parti di Vivendi non sembrano esservi conferme o smentite sui rumors pubblicati sulla possibile offerta da avanzare alla famiglia Berlusconi. Un portavoce dei francesi si è limitato ad affermare che la società non commenta le indiscrezioni, senza pertanto fornire nuovi spunti interpretativi.

Mediaset in Borsa


Dopo esser stata sospesa dalle negoziazioni, Mediaset è riuscita a chiudere la giornata di ieri con un balzo del 5,87 per cento a quota 4,36 euro. Rilevanti gli scambi, con 20,1 milioni di pezzi, oltre i 10,9 milioni di pezzi medi di una intera seduta negli ultimi 5 giorni, e 27,7 milioni di pezzi su 30 giorni. Dalla giornata di oggi potrebbero emergere nuovi scostamenti di significativa entità.

Le indagini vanno avanti

Le indiscrezioni delle ultime ore non fermano naturalmente le indagini che la procura di Milano e Agcom stanno portando avanti. Due giorni fa l’imprenditore tunisino Tarak Ben Ammar, amico delle parti oltre che, principalmente, membro del consiglio di amministrazione di Vivendi e di Telecom Italia, è stato ascoltato dalla procura milanese in relazione all’inchiesta a carico di ignoti avviata a metà dicembre scorso per manipolazione di mercato in occasione dell’ingresso di Vivendi nel capitale di Mediaset. Ricordiamo, in merito, che l’indagine è partita da un esposto che la stessa Mediaset ha presentato in procura.

Contemporaneamente, va avanti l’indagine dell’Agcom sul rispetto della regolamentazione del settore: l’evoluzione del dossier potrebbe avere conseguenze incerte, tra cui anche il blocco dei diritti di voto della partecipazione di Vivendi: la legge prevede in tal proposito il divieto dell’incrocio tra tlc e media e, secondo Mediaset, Vivendi avrebbe violato il testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici (il Tusmar) avendo un controllo di fatto di Telecom Italia (24%) e insieme una quota strategica, vicina al 30 per cento, del capitale con diritto di voto di Mediaset.

Rammentiamo che la normativa vigente vieta invece alle società – anche mediante controllate e collegate – con più del 40 per cento dei ricavi nel settore delle comunicazioni, di acquisire aziende che hanno quote superiori al 10 per cento del sistema integrato delle comunicazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here