Prezzo dell’oro in calo: recupera il dollaro, Non-Farm Payrolls USA di Gennaio migliori delle attese

Quella che ci siamo appena messa alle spalle è stata un’ottava in cui hanno prevalso le prese di beneficio sulle quotazioni del metallo giallo, che hanno ceduto un punto e mezzo percentuale, fissando l’ultimo scambio settimanale a quota 1.335,70 dollari.

L’andamento dei preziosi è stato ancora una volta correlato ai movimenti del biglietto verde, debole per quasi tutta l’ottava, ma in ripresa nel corso dell’ultima seduta(+0,63%), quella in cui il prezzo dell’oro ha subito il calo giornaliero più importante, lasciando sul terreno poco più dello 0,90%. Gli acquisti su un asset quotato in dollari, come l’oro, infatti, sono incentivati dal calo della divisa statunitense, poiché diventano un investimento meno caro per i titolari di valute diverse da quella USA. Viceversa, una salita delle quotazioni del biglietto verde tende a rendere meno convenienti gli acquisti di oro con valute extra-dollaro.

A determinare il recupero della divisa statunitense ed il conseguente calo del prezzo dell’oro ha principalmente contribuito l’ottima lettura delle Non-Farm Payrolls USA del mese di Gennaio, in crescita a 200 mila unità, contro le +180 mila unità pronosticate dal consensus degli analisti. In particolare evidenza la retribuzione oraria, aumentata dello 0,3% ( 9 cent/dollaro ), a 26,74 dollari (massimo dal 2009), mentre i salari in generale sono cresciuti del 2,9. Il tasso di disoccupazione, invece, ha continuato a consolidare sui minimi degli ultimi 17 anni, al 4,1%.

Un mercato del lavoro così forte potrebbe indurre la Federal Reserve a rallentare il processo di normalizzazione sui tassi d’interesse USA. Un’ulteriore segnale di forza è arrivato con la lettura di altri due dati macro, che richiamano l’attenzione della FED: il reddito delle famiglie e le spese personali, che nel mese di Dicembre hanno entrambe evidenziato una crescita dello 0,4% su base mensile.

Andamento quotazioni oro sul breve-medio periodo


Dal punto di vista tecnico, il mancato consolidamento sopra la resistenza posta in area 1.360 dollari, ha fatto scattare delle prese di beneficio sulle quotazioni dell’oro, scese a contatto con il primo supporto daily, rappresentato dalla media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), transitante in area 1.331 dollari.

La tenuta di EMA 25 potrebbe innescare un rimbalzo di brevissimo, per andare a testare la resistenza sui time-frames minori, individuata nella media mobile a 10 gg (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che passa in area 1.342 dollari, circa. Un’eventuale discesa al di sotto della media mobile a 25 periodi, invece, potrebbe generare ulteriori discese, con target primario a ridosso della media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che si colloca in area 1.315 dollari ed obiettivo secondario in area 1.300 dollari.

Al rialzo, invece, in caso di rottura della resistenza di brevissimo identificata su EMA 10, potrebbero aumentare le probabilità di risalita verso area 1.360 dollari in prima battuta e successivamente verso un nuovo test dei recenti massimi in area 1.370 dollari.

Pattern di trading sull’oro valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di quota 1.335,20$ e consiglia di prendere i primi profitti in area 1.339,85 e 1.342,90 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 1.330,10$. Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1.342,90$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 1.346,10$ e successivamente a quota 1.349,30$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1.335,20$ in chiusura oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 1.349,30$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 1.352,50 e 1.357,65 dollari, estesa a quota 1.362,85$; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1.342,90 in close orario. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 1.305,05$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi prima a quota 1.315,10 e successivamente a quota 1.322,18 dollari; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 1.295$ in chiusura di candela oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma in caso di chiusura oraria minore di quota 1.330,10$ e fissa i primi due obiettivi in area 1.328,90 e 1.325,30 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 1.335,20$ in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 1.325,30$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in un primo momento a quota 1.322,18$ e successivamente a quota 1.318,20$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 1.330,10$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 1.318,20$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 1.315,10 e 1.310,05 dollari, estesa a quota 1.305,05$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 1.325,30$ in close orario. Short speculativi in caso di allungo in area 1.362,85$, per approfittare di eventuali correzioni in primo luogo a quota 1.357,65$ ed in seconda battuta a quota 1.352,50$; stop loss in caso di ulteriori estensioni rialziste sopra quota 1.370,60$ in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net