Prezzo petrolio chiude 2020 in forte recupero dai Minimi, ma Bilancio a 12 Mesi rimane negativo

Il 2020 sarà sicuramente ricordato come l’anno in cui il prezzo petrolio per la prima volta nella storia ha fatto segnare un valore negativo. Le quotazioni del WTI, nel pieno della prima ondata di contagi da Covid-19, lo scorso Aprile hanno infatti registrato un prezzo pari a -40 dollari.

L’evento straordinario è stato causato dal crollo della domanda ed il conseguente accumulo di barili di petrolio nei principali HUB mondiali. L’imposizione dei lockdown da parte dei governi di tutto il mondo per frenare i contagi da coronavirus aveva portato ad un drastico calo dei consumi di petrolio sia nel settore industriale che nel settore dei trasporti, con una flessione della domanda di carburante senza precedenti.

La situazione appena descritta ha convinto l’OPEC ed i suoi alleati con a capo la Russia ad effettuare un drastico taglio alla produzione, rinnovato di recente almeno fino al primo trimestre 2021. I prezzi del petrolio, pertanto, si sono riportati prima in territorio positivo e successivamente, sull’onda delle speranze di una ripresa economica e dell’arrivo dei vaccini anti-Covid, hanno recuperato gran parte del terreno perso.

L’anno appena archiviato, per il WTI, si è tuttavia concluso con una performance negativa, di poco superiore al -20%, a fronte di una chiusura al 31 Dicembre a 48,44 dollari al barile. Il 2019, infatti, era terminato con un prezzo del greggio a 61 dollari.

L’auspico per il 2021 è che le quotazioni ritornino su valori pre-pandemici, o quantomeno si mantengano su un range sopra i 50 dollari, ovvero su prezzi che consentano alle società del settore petrolifero di generare utili che le consentano di sopravvivere ed investire dopo il netto taglio del capex nei loro bilanci.

Dall’ultima lettura del saldo settimanale delle scorte di greggio statunitensi, diffuso dall’EIA (Energy Information Administration), è emerso un calo di 6 milioni di barili, mentre le attese erano per una flessione più contenuta, pari a -2,4 milioni di barili. Le anticipazioni rilasciate dall’API (American Petroleum Institute), invece, davano una diminuzione pari a -4,8 milioni di barili.

Le riserve di benzina, sempre secondo fonte EIA, sono scese di 1,2 milioni di unità, contro l’aumento di 0,2 milioni di unità dei pronostici ed il calo di 0,7 milioni di unità indicato dall’API. Le scorte di distillati, infine, sono aumentate di 3,1 milioni di unità, mentre gli analisti si aspettavano un calo di 0,4 milioni di unità (-1,9 milioni di unità la stima API).

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con ForexTB (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sulle materie prime. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento Prezzo Petrolio sul Breve-Medio Periodo

Grafico Petrolio WTI - 05 Gennaio 2021

La strada del WTI verso i 50 dollari, al momento, è stata sbarrata da una resistenza dinamica incontrata a quota 49 dollari.

Come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni si sono appoggiate sul primo supporto di brevissimo rappresentato dalla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico).

Persa EMA 10, i prezzi potrebbero velocemente scendere verso il primo sostegno daily che passa sulla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico), che si colloca in area 46,60 dollari.

Tuttavia, soltanto l’eventuale discesa sotto EMA 50 (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che transita in area 44,70 dollari, potrebbe causare un’inversione ribassista di breve-medio periodo con target in area 40-38 dollari.

Con una chiusura settimanale oltre 50 dollari, invece, sarà possibile rivedere quota 60 dollari.

Per approfondimenti: Investire sulle quotazioni petrolifere, ecco come fare.

Modello di Trading sul Petrolio – WTI – Valido da 1 a 5 Giorni

Il modello di trading Long si attiva con chiusura oraria oltre quota 48,70$ e consiglia di prendere i primi profitti a quota 49,18 e 49,48 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 47,93$.

Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 49,48$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 49,98$ e successivamente a quota 50,28$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 48,60 in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 50,28 in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 51,07 e 51,39 dollari, estesi in area 51,90$; stop loss in caso di ritorno sotto 49,48$ in close daily.

Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 44,62$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a 45,35$ ed in seconda battuta a 46,10$, estesi in area 46,87$; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 44$ in chiusura daily.

Il modello di trading Short, invece, prende forma con chiusura oraria minore di quota 47,93$ e fissa i primi due obiettivi in area 47,15 e 46,87 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 48,70$ in chiusura oraria.

Analisi  tecnica Petrolio WTi - 05 Gennaio 2021

Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 46,87$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a quota 46,40$ e successivamente a quota 46,10$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 47,72$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 46,10$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 45,82 e 45,35 dollari, estesi in area 44,62$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 46,87 in close orario.

Short speculativi in caso di allungo in area 51,90$, per approfittare di eventuali prese di profitto in prima battuta a 51,07$ e successivamente a 50,28$, estese in area 49,48$; stop loss con close daily sopra quota 52,75$.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net