Samsung, trimestrale record. Bene i chip

Samsung ha chiuso il quarto trimestre dell’anno con risultati record, i migliori degli ultimi 3 anni, malgrado i problemi causati dal fallimento del Galaxy Note 7. Molto bene il mercato dei display e soprattutto dei chip.

Samsung: i risultati trimestrali

I display ed i chip di memoria trainano la trimestrale di Samsung, la migliore degli ultimi 3 anni nonostante i danni miliardari provocati dal “caso Galaxy Note 7”. Nel quarto trimestre del 2016, il colosso sudcoreano ha registrato utili totali pari a 7,92 miliardi di dollari, in rialzo del 50 per cento su base annua. Il fatturato nell’esercizio dello scorso anno è risultato in lieve calo a quota 173 miliardi di dollari ma in minor rallentamento rispetto agli anni precedenti.

Samsung: è il momento di investire?

Chip, display e Galaxy S8

L’atteso crollo dovuto al fallimento dei difettosi Note 7 (un danno di circa 2,5 miliardi di dollari) è stato compensato dai buoni risultati delle divisioni di vendita della componentistica. Samsung è infatti riuscita a presentare una ottima trimestrale grazie alle maggiori vendite dei chip di memoria, dei pannelli OLED e degli Ultra HD.

Nonostante il flop del Galaxy Note 7, i risultati sono positivi anche per la divisione Mobile della società, con un profitto cresciuto a 2 miliardi di dollari su base annua. Utili prodotti non soltanto dai dispositivi di fascia alta (Galaxy S7 e Galaxy S7 edge) ma anche da quelli più economici. Una crescita trimestrale legata al ricco business della componentistica ma con numeri positivi anche per il comparto smartphone.

Samsung è uno dei più importanti produttori globali di componenti per dispositivi Mobili, anche di altri brand concorrenti, e ciò contribuisce a spiegare la crescita delle vendite di display e chip di memoria del 39 per cento nel 2016, un settore che oggi rappresenta circa la metà degli utili prodotti dal colosso sudcoreano. Secondo le ultime indiscrezioni, la stessa Apple avrebbe ordinato a Samsung più di 100 milioni di display OLED per i prossimi tre anni. Non preoccupa pertanto gli analisti il rinvio della presentazione del nuovo device top di gamma dell’azienda, il Galaxy S8, rivale dell’iPhone di Cupertino. Non sarà svelato, come in passato, al Mobile World Congress di Barcellona in programma a fine febbraio. Il debutto è previsto nel corso della primavera.

Il board del gruppo nel frattempo ha approvato un piano di buy-back per un ammontare di 9.300 miliardi di won da portare a compimento nel 2017. Il mercato ha accolto positivamente i risultati trimestrali della società e al momento il titolo Samsung è in progresso del 3,25 per cento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here