L’Indice Dow Jones vola sopra i 26.000 punti Grazie a Comprato Servizi USA in Espansione

Wall Street inizia la nuova ottava col botto, dopo il week-end allungato con i mercato statunitense chiuso per la festività del 4 Luglio. Il paniere dei titoli industriali a più alta capitalizzazione, al giro di boa della seduta di Lunedì 6 Luglio sta guadagnando l’1,30%, scambiando in area 26.160 punti.

Mercato che continua ad ignorare la nuova ondata di contagi che sta investendo alcune zone degli Stati Uniti, e che ha riportato il numero dei nuovi contagi giornalieri ad oltre le 40 mila unità, già da una settimana a questa parte.

Gli acquisti sul Dow Jones, oltre che dalla buona lettura delle Non-Farm Payrolls del mese di Giugno, diffusa qualche giorno fa, sono stati incentivati dal forte miglioramento fatto registrare nel settore servizi. A Maggio, infatti, l’indice ISM non manifatturiero è balzato a 57,1 punti, assestandosi abbondantemente oltre la soglia di espansione dei 50 punti. Battute nettamente le attese degli analisti, che invece non andavano oltre i 50,2 punti. Il suddetto indicatore anticipa la tendenza nell’importante comparto dei servizi ed è ritornato a livelli pre-pandemia.

Oltre le attese, e superiore alla lettura preliminare, la stima finale dell’indice PMI Markit Manifatturiero, che a Giugno si è assestato a 47,9 punti, sopra i 46,9 punti pronosticati dagli analisti. La stima flash era invece pari a 46,7 punti. Decisa la reazione rispetto ai 37,5 punti del dato finale di Maggio.

La lettura finale dell’indice Composito, sempre a Giugno, ha invece mostrato un valore di 47,9 punti, sopra i 46,8 punti della stima preliminare ed i 37 punti della rivelazione del mese precedente.

Investitori e trader hanno snobbato l’alert lanciato da Goldman Sachs sul PIL USA del 2020. La banca d’affari statunitense ha infatti rivisto al ribasso la propria stima sulla crescita a stelle e strisce per l’anno in corso, portandola a -4,6%. La precedente valutazione dava una contrazione del 4,2%. Confermata, invece, la crescita del 5,8% attesa per il 2021, gettando le basi della ripresa già da Settembre di quest’anno.

GS ha motivato la revisione al ribasso sul Prodotto Interno Lordo USA con l’aumento del rischio di una nuova fase di lock-down, considerato il forte aumento dei nuovi contagi da Covid-19 nel Paese. Gli analisti della banca d’affari temono che, a causa di possibili nuove restrizioni per contenere la diffusione dei contagi, le spese ed i consumi potrebbero subire una nuova battuta d’arresto, dopo la ripresa a partire dalla metà dello scorso Aprile.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con ForexTB (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come i segnali per poter essere subito operativi sui principali indici azionari. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento Indice Dow-Jones sul Breve-Medio Periodo

Come anticipato, l’indice Dow Jones ha momentaneamente riconquistato la soglia tecnica dei 26.000 punti.

Come ben evidente sul grafico giornaliero in alto, le quotazioni la scorsa ottava hanno reagito con vigore dopo aver toccato l’importante supporto di breve-medio periodo rappresentato dalla media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico).

Successivamente, l’indice è salito anche oltre le medie mobili minori, a 25 e 10 giorni, (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico).

La conferma oltre area 26.000 punti potrebbe favorire un primo allungo in area 26.600 punti ed una successiva spinta in area 27.000 punti, chiudendo così il gap-down a circa 26.990 punti, corrispondente alla chiusura dello scorso 10 Giugno.

Allarme rosso, invece, in caso perdita di EMA 50, che al momento passa in area 25.335 punti, con possibilità di rivedere area 24.000-23.500 punti.

Pattern di Trading Future Indice Ftse Mib – FIB – Valido da 1 a 5 Giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma con close oraria maggiore di 26.234 punti e pronostica i primi due target price in area 26.334 e 26.497 punti; stop loss in caso di discesa sotto 26.073 punti in close orario.

Mantenere o incrementare le operazioni al rialzo in caso di allungo oltre 26.497 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 26.598 punti e successivamente a 26.762 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 26.234 punti in chiusura di oraria o di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 26.762 punti, per cercare di prendere profitto in area 26.864 e 27.030 punti, estesa a 27.197 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 26.497 punti in chiusura di candela oraria.

Long sulla debolezza in caso di affondo in area 25.083 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi a 25.263 punti e 25.494 punti, estesi a 25.652 punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 24.820 punti in chiusura daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria sotto 26.073 punti, e fissa i primi due obiettivi in area 25.911 e 25.701 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 26.234 punti.

Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 25.701 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 25.652 punti e successivamente a 25.494 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 26.073 punti in chiusura oraria o daily.

Lecito attivare nuove posizioni corte con chiusura oraria minore di 25.494 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 25.336 e 25.263 punti, estesi a 25.083 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 25.701 punti in chiusura oraria.

Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 27.197 punti, in ottica di veloci pull-back di prezzo a 27.030 e 26.864 punti, estesi a 26.598 punti; stop loss in caso di allungo oltre 27.365 punti in chiusura di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net