Azioni, quando conviene comprare e vendere

Quando comprare azioni? Quando vendere azioni? Quando conviene acquistare azioni? Quando conviene evitare di acquistare azioni? In questo articolo, daremo qualche consiglio su quando comprare azioni e quando invece conviene vendere azioni.

Gli investitori acquistano e negoziano azioni prevalentemente attraverso i broker. È possibile creare un conto depositando contanti o azioni in un conto di intermediazione.

Una volta aperto un account, dirai al tuo broker quanti e quali tipi di azioni desideri acquistare. Il broker esegue la transazione per tuo conto. A sua volta, lui o lei guadagna una commissione, normalmente diversi centesimi per azione. I siti di trading online in genere fanno pagare commissioni più basse, perché la maggior parte del trading avviene elettronicamente. Dopo aver selezionato le azioni che vuoi acquistare, puoi effettuare un “ordine di mercato” o un “ordine limitato”.

Un ordine di mercato è uno in che si richiede un acquisto di azioni al prezzo di mercato prevalente. Un ordine limite è quando si richiede di acquistare un titolo a un prezzo limitato. Ad esempio, se si desidera acquistare azioni in Dell a $ 60 per azione, e il titolo è attualmente negoziabile a $ 70, il broker aspetterebbe di acquisire le azioni fino a quando il prezzo non rispetterà il limite. Mentre l’acquisto di azioni tramite un broker ha i suoi vantaggi , ci sono altri modi per comprare azioni. È possibile acquistare azioni direttamente attraverso la società.

Azione cos’è

Cos’è una azione? Un’azione (in inglese stock, share o “equity”) è un tipo di security che indica la proprietà in una società e rappresenta un credito su parte delle attività e dei guadagni della società. Esistono due tipi principali di azioni: comuni e preferenziali. Di solito il titolo autorizza il titolare a votare alle assemblee degli azionisti e a ricevere i dividendi.

Gli azionisti privilegiati generalmente non hanno diritto di voto, sebbene abbiano un credito più elevato rispetto agli azionisti comuni. Ad esempio, i proprietari di azioni privilegiate ricevono dividendi prima azionisti comuni e hanno la priorità nel caso in cui una società fallisce e viene liquidata.

Come capire andamento azioni

L’azienda sta aumentando le sue vendite e, in tal caso, la crescita delle vendite è reale o legata a eventi unici? Ciò significa che dovrai leggere l’intero comunicato stampa per prendere in considerazione ciò che la direzione ha detto riguardo al trimestre, oltre a guardare i numeri.

La società ha sperimentato una crescita interna, o ha venduto un asset o ha avuto esperienze inaspettate che le fanno sembrare in crescita? In generale, è una buona idea guardare le aziende più piccole (tra $ 100 milioni e $ 1 miliardo nel range di vendita) che crescono in eccesso del 10% all’anno. Quando si guardano le aziende più grandi, le loro vendite dovrebbero crescere di almeno il 3% per essere interessanti.

Infine, confronta la crescita delle vendite di un’azienda non solo rispetto allo scorso anno, ma anche all’ultimo trimestre (sia su base annuale che sequenziale). Se le vendite trimestrali hanno mostrato una tendenza al rialzo, di solito è un altro buon segno.

La linea di vendita sta migliorando. Il suo costo dell’elemento pubblicitario venduto, o la sua linea di vendita, generale e di spesa amministrativa sul conto economico salgono a un ritmo più veloce? Se è così, potrebbe essere perché l’azienda sta appena entrando in una nuova attività o sta lanciando un nuovo prodotto e sta vivendo qualche difficoltà crescente o sta pagando per alcuni costi di avviamento. Tuttavia, questo potrebbe anche significare che la società sta facendo un cattivo lavoro nel gestire le sue spese. La discussione della direzione sui risultati trimestrali ti aiuterà a raccogliere le informazioni.

Molte aziende offrono a Wall Street una sorta di guida sui guadagni futuri. La compagnia ha recentemente aumentato o diminuito la sua guida futura (guadagni)? I numeri che la compagnia si aspetta è migliore o peggiore di quello che gli analisti di Wall Street si aspettano? Questa informazione ti darà un’idea di se la società ha il potenziale per “wow” The Street, o se è più probabile che deluderà con i suoi numeri futuri.

Se vai un po’ più in profondità nella psicologia dietro la guida agli utili, se un’azienda aumenta la sua le linee guida per il trimestre in corso, ma minimizzano le aspettative oltre a quelle, le sue azioni probabilmente svenderanno. Viceversa, se una società riduce le stime per il trimestre corrente, ma aumenta la stima per l’intero anno, il titolo comune probabilmente decollerà. Come regola generale, tieni d’occhio il lungo termine, perché nella maggior parte dei casi, Wall Street trascurerà un inciampo a breve termine se è convinto che all’orizzonte ci possa essere un catalizzatore tangibile.

Quando comprare e vendere azioni

Tutte le azioni oscillano tra condizioni di ipercomprato e ipervenduto. Indipendentemente dalla qualità della società sottostante, le azioni passeranno attraverso cicli prevedibili, indipendentemente dalla loro destinazione finale. La bellezza è che puoi controllare facilmente e rapidamente qualsiasi stock in 8 secondi o meno, per vedere se si sono verificati troppi acquisti o troppa vendita.

Quello che è veramente importante per voi è che queste condizioni si invertono quasi sempre – le azioni ipercomprese cadono, le azioni ipervendute salgono. In effetti, ogni singolo investimento là fuori sta cercando di tornare alla neutralità – uno stato di non essere né ipercomprato né ipervenduto. Nella loro ricerca di “normalità”, le azioni agiscono prevedibilmente nel loro viaggio di ritorno alle norme stabilite.

Ad esempio, se una società incredibile (con tutto ciò che sta andando per loro) spinge di più in alto, mentre gli investitori fuggono nelle azioni, l’investimento sarà presto raggiungere una condizione di ipercomprato. Anche le scorte più sorprendenti raggiungono il loro picco e declinano. Ciò è di solito in linea con una condizione di ipercomprato: troppe persone hanno acquistato azioni. Tipicamente, una volta che tutti coloro che hanno voluto comprare lo hanno fatto, l’improvviso calo della domanda lascia un vuoto in cui le azioni cadono.

Lo stesso vale (anche se al contrario) per le azioni vendute in oversold. Quando qualcuno che vuole uscire da un titolo ha scaricato le proprie partecipazioni, le condizioni diventano sempre più pesanti quando l’offerta disponibile si prosciuga (poiché ci sono meno azionisti che cercano di vendere). Anche il minimo ammontare di acquisti a quel punto può portare il prezzo delle azioni a spingere su livelli molto più alti.

Mentre l’argomento è incredibilmente semplificato qui per i nostri scopi, basta sapere che:

  • le azioni di Oversold in genere si spostano più in poche settimane (o al massimo di mesi)
  • le quote di ipercomprato di solito scendono di prezzo
  • si può facilmente e rapidamente controllare la situazione di qualsiasi azione.

Dunque, ricapitolando: quando conviene comprare e vendere azioni? In modo molto semplicistico, risulta molto utile osservare il grafico e verificare l’andamento di un titolo. Se raggiunge i massimi storici è probabile che diminuisca di valore, in quanto chi ha acquistato ai minimi solitamente venderà per mettere al sicuro i profitti realizzati. Per avere successo in Borsa, risulta essenziale stabilire in anticipo sia quanto perdere ma anche quanto realizzare, ovvero il livello atteso di profitto.

Molto utile per limitare le perdite è lo strumento Stop loss, mediante il quale possiamo stabilire a quale livello di prezzo minimo vogliamo vendere la nostra azione. Questo strumento lo farà in automatico per noi, non rendendo necessaria la nostra assidua presenza dinanzi al Pc o dispositivo mobile.

Comprare e vendere azioni, cos’è Indice RSI

Cos’è Indice RSI? Acronimo di Relative Strength Index (RSI), si tratta di un indicatore di momentum dell’analisi tecnica che mostra un numero compreso tra zero e 100. Qualsiasi livello inferiore a 30 è ipervenduto, mentre una RSI di oltre 70 indica che le azioni sono ipercomprate.

Quindi, se IBM ha un RSI di 25, puoi presumere che è molto probabile che le azioni salgano dai livelli attuali. Ci sono state troppe vendite, e chiunque ha perso il diritto di proprietà con l’investimento è andato avanti, lasciando principalmente nuovi investitori o quelli con prospettive ottimistiche per la società. Allo stesso tempo, se IBM avesse una RSI di 70, o addirittura di qualcosa di drammatico come l’85, quindi le azioni sono in genere per una pressione al ribasso. Gli acquirenti hanno fatto pressione sugli altri acquirenti e le azioni saranno spinte più in alto, fino a quando … non lo sono.

C’è quasi sempre un momento esatto, o punto di svolta, in cui la domanda si secca improvvisamente per qualsiasi stock ipercomprato e l’investimento inizia a scivolare. Può essere utile pensarlo come l’offerta e la domanda di un prodotto al dettaglio. Qualunque sia l’ultima moda, sia che si tratti di bambole Cabbage Patch, orologi Swatch, Beanie Babies, o qualsiasi altra cosa, in genere le persone acquistano come matti all’inizio.

I produttori di quel prodotto eseguono le loro macchine o linee di assemblaggio straordinarie per soddisfare la domanda. Quindi il prodotto raggiunge un punto in cui quasi tutti ne hanno uno (o diversi). Questo può essere paragonato a una situazione di ipercomprato in un magazzino. I produttori stanno ancora pompando i widget come matti per soddisfare la domanda, ma quando viene raggiunta la condizione di ipercomprato, l’acquisto si prosciuga. Il prodotto ora passa a un eccesso, dove ci sono troppi prodotti disponibili una volta bollenti.

I rivenditori di solito hanno bisogno di abbassare drasticamente i loro prezzi, solo per eliminare parte del loro eccesso di inventario. Alla fine, gli sconti profondi, combinati con le macchine di produzione rallentate o messe in pausa, riducono l’eccesso di inventario. Se la nuova offerta del prodotto è significativamente ridotta, ma c’è ancora una domanda moderata, questa potrebbe essere paragonata a una condizione di ipervenduto. Nulla è certo nel mercato azionario, ma l’utilizzo del Relative Strength Index è una delle analisi tecniche più affidabili indicatori che troverete mai.

I prezzi delle azioni e l’attività della RSI sono strettamente collegati e tipicamente si scambiano in modo quasi identico. Quando la RSI scorre, le azioni hanno di solito già iniziato il loro ribasso, o se non lo faranno, lo faranno a breve. Dall’altro lato della medaglia, quando la RSI è molto più alto, così pure il prezzo delle azioni (nella maggior parte dei casi). Non è necessario capire come funziona un motore per poter guidare una macchina. Allo stesso modo, ti assicuriamo che puoi beneficiare del Relative Strength Index semplicemente sapendo che le azioni ipervendute salgono quasi sempre, e le quote di ipercomprato cadono quasi sempre.

Nessun singolo strumento è infallibile, o completamente affidabile ogni volta, ma l’RSI è molto più affidabile di quasi tutti gli altri indicatori che vengono comunemente utilizzati. Il modo più efficace per utilizzare il Relative Strength Index è quello di aiutare nella scelta tra alto calibro aziende.

Se stai cercando un paio di titoli assolutamente eccellenti, entrambi con solide situazioni finanziarie e ottimi team di gestione, la RSI potrebbe aiutarti a decidere tra di loro. Se la differenza nei valori dell’indice di forza relativa è trascurabile, ad esempio 25 rispetto a 30, quindi la RSI in realtà non fornirà grandi spunti. Tuttavia, immaginate una società con un valore RSI di 80, e l’altra a 30: il primo è probabile che cada nel prezzo a breve termine, mentre il secondo è ipervenduto, e a causa del reverse più alto.

Azioni, come comprare e vendere: cos’è il Drip feeding

Cos’è il Drip feeding? Un consiglio che occorre sempre dare ai trader è quello di diversificare il proprio portafoglio titoli. Ciò in quanto è alquanto improbabile che tutte le proprie azioni in possesso vadano bene. La diversificazione del proprio portafoglio serve proprio per compensare eventuali perdite.

Per fare ciò, è possibile attuare la pratica del Drip feeding. Letteralmente tradotto in alimentazione a goccia. Come funziona il Drip feeding? Se hai investito una somma forfettaria di euro 10.000 e acquistato azioni del valore di euro 10 ciascuna, avresti 1.000 azioni. Se hai acquistato 5.000 euro per le stesse azioni al mese per due mesi (per un totale di euro 10.000 complessivi), dovresti acquistare 500 azioni nel primo mese.

Ma se il prezzo delle azioni scendesse a euro 9,50 nel secondo mese, saresti in grado di acquistare 526 azioni, poiché le azioni hanno un prezzo inferiore. Quindi, anziché ottenere solo 1.000 azioni per le tue euro 10.000, due pagamenti di euro 5.000 consentiranno di comprare ben 1.026 azioni.

Comprare e vendere azioni, l’analisi tecnica

Naturalmente, se vogliamo investire in qualcosa, dobbiamo studiarcela per bene. E in ciò ci viene in soccorso l’analisi tecnica. La quale ci consente di:

  • conoscere approfonditamente la società nella quale si è deciso di investire
  • informarsi accuratamente sulla situazione generica che stanno vivendo i mercati azionari
  • avere bene in mente pure i trend passati mediante uso dei grafici di borsa

Broker per fare trading sulle azioni

Ecco un elenco dei migliori broker che permettono di negoziare sul prezzo delle azioni:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Social trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI
Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali gratisISCRIVITI
Bonus da 25€Conti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here