Comprare azioni Coca Cola (KO): come investire, previsioni e prezzo [2021]

Coca Cola resta ancora uno dei marchi più amati al mondo. Malgrado le molte denigrazioni riguardo le bibite zuccherate e i suoi ingredienti, alla fine resta ancora la bevanda più amata, che da alcuni anni sta comunque cercando di adeguare il suo brand alle istanze green.

Coca Cola (NYSE: KO) è anche quotata in Borsa e rappresenta ancora oggi un titolo molto seguito dai trader.

Vediamo quindi come comprare azioni Coca Cola, se conviene davvero farlo, quali sono i migliori broker per comprare azioni Coca Cola e le previsioni per il futuro.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come il copy trading per poter essere "copiare" le operazioni dei trader che guadagnano di più. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Azioni Coca Cola: cosa sono

Le azioni sono quote di capitale che una società decide di mettere a disposizione degli investitori per reperire capitali.

Col trading CFD, non acquisti direttamente le azioni Coca Cola, ma acquisti un contratto derivato che ne replica il valore. E ciò ti dà il grande vantaggio che puoi anche guadagnare quando il loro prezzo scende, posizionandoti short.

E pensare che questa bevanda fu inventata dal farmacista statunitense John Stith Pemberton nel 1886 ad Atlanta come rimedio per il mal di testa e la stanchezza. Col nome “Pemberton’s French Wine Coca”, una variazione del cosiddetto “vino di coca” (o Vin Mariani), una miscela di vino e foglie di coca inventata a sua volta dal farmacista còrso Angelo Mariani.

L’alcol fu sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Ecco perché si chiama coca cola, dai due ingredienti principali che la compongono.

Quando la coca fu bandita dato che dalla sua pianta si estrae la cocaina, venne scartato l’alcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola (in noci) continuò a essere utilizzata.

Dopo la quotazione in borsa dell’azienda nel 1919, la Coca-Cola cominciò la sua diffusione mondiale nel decennio successivo, trasformandosi in un ‘business’ di grandi dimensioni, gestito dalla The Coca-Cola Company con sede a New York. Che possiede anche i marchi Fanta e Sprite. In Italia arrivò nel 1927.

Nel 1960 arriva la prima Coca-Cola in lattina, mentre nel 1980 anche quella in bottiglia PET.

La maggior rivale della Coca-Cola è la Pepsi, ma ne esistono moltissime imitazioni.

Da alcuni anni, il marchio si è impegnato in molti progetti sociali in giro per il mondo, anche per rifarsi il look dall’aurea negativa che gli viene spesso affibbiata. Di essere per esempio un simbolo dell’imperialismo americano o delle cattive abitudini alimentari. E di provocare inquinamento tra bottiglie di plastica e lattine.

Ha anche lanciato la versione Zero per ovviare all’accusa di bevanda zuccherata.

Uno dei segreti di Coca-Cola è l’aroma denominato “7X” (o anche “merchandise #7”, ossia aroma numero 7). Si tratta di estratti dalle foglie della pianta di coca, privati delle sostanze (alcaloidi) psicotrope.

Le foglie sono coltivate legalmente in Perù, poi esportate in New Jersey, per trattarle.

I partner imbottigliatori sono circa 250 al mondo.

Il celebre logo della Coca-Cola fu in realtà creato con scarsa attenzione nel 1886 dal contabile dell’azienda, Frank Mason Robinson, che fece solo alcuni piccoli ritocchi alla scritta.

Si narra che il logo Coca-Cola visto allo specchio crei una frase in lingua araba contro la cultura islamica, “No a Maometto, No alla Mecca, no alle preghiere”. Una suggestione alimentata soprattutto in anni più recenti, quando si è scatenato un drammatico conflitto tra mondo occidentale ed islamico.

Ma è difficile che questa versione sia corretta, visto che all’epoca non c’erano alcune velleità in tal senso. Fatto sta che questa voce ha comportato un forte calo delle vendite registrato in alcuni paesi islamici.

❓Chi èCoca Cola è uno dei marchi più amati al mondo, una azienda americana che produce bevande analcoliche tra cui la Coca Cola.
🍷 SettoreAlimentare
👍 SedeAtlanta negli Stati Uniti
💻 QuotazioneBorsa di New York
👍 TickerKO
🥇Migliore piattaforma per investire in BorsaeToro
🥇Miglior broker con formazioneCapital.com

Piattaforme per investire in azioni Coca Cola

Se vi interessa l’investimento in azioni potete utilizzare una di queste piattaforme regolamentate:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Copy trading su azioniCommissioni basseISCRIVITI
Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali di tradingISCRIVITI
Numerose azioniConti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

si tratta dei broker migliori, registrati in Consob e con licenza dunque sicuri.

Coca Cola: dati societari

Vediamo quali sono i principali dati societari di Coca Cola.

Settore industriale

THE COCA-COLA COMPANY è un‘azienda dedita alla produzione di bevande frizzanti e analcoliche o le concede in licenza. Prevede altresì una vasta gamma di bevande senza aggiunta di gas, quali acque, acque arricchite, succhi e succhi di frutta, bevande di tè e caffè pronte all‘uso, nonché bevande energetiche e per lo sport.

E’ attiva in Europa, Medio Oriente e Africa, America Latina, Nord America, Asia Pacific, Bottling Investments e Corporate. Altri marchi collegati sono Diet Coke, Fanta e Sprite. Sono oltre 500 le marche di bevande analcoliche gestite.

Commercializza, produce e vende anche basi per bevande e sciroppi, tra cui sciroppi concentrati e bevande gassate e non gassate finite.

Contatti

  • Indirizzo: Atlanta, GA 30313-2420, United States
  • Telefono: +1-404-6762121
  • Fax: 404-6766792
  • Sito web: www.coca-colacompany.com

Management

  • Alexis M. Herman: età 73, dal 2007 Independent Director
  • Caroline J. Tsay: età 39, dal 2018 Independent Director
  • David B. Weinberg: età 69, dal 2015 Independent Director
  • K. W. Chan: età 64, dal 2000 Chairman of Coca-Cola China Limited
  • Maria Elena Lagomasino: età 72, dal 2008 Lead Independent Director
  • Barry Diller: età 79, dal 2002 Independent Director
  • Marc Jan Bolland: età 62, dal 2015 Independent Director
  • Ana Botin-Sanz de Sautuola y O’Shea: età 61, dal 2013 Independent Director
  • Robert A. Kotick: età 58, dal 2012 Independent Director
  • James Robert B. Quincey: età 56 , dal 2013 Chairman & CEO
  • Helene D. Gayle: età 65, dal 2013 Independent Director
  • Christopher Cullom Davis: età 56, dal 2018 Independent Director
  • Herbert A. Allen: età 81, dal 1982 Director
  • John Franklin Brock: età 72, dal 2006 Chairman of Coca-Cola Enterprises Inc
  • Krishnakumar Thirumalai: età 61, dal 2020 Chairman of Coca-Cola India
  • Zahi Wadee’ Khouri: Chairman of Palestinian National Beverage Company & CEO of Palestinian National Beverage Company

Bilancio e utili

Coca-Cola ha presentato il bilancio 2020, funestato dal Covid-19.

Ha registrato ricavi netti di 33 miliardi di dollari e un utile operativo di 8.997 miliardi di dollari. Che in termini assoluti sembrano positivi, ma che se paragonati al 2019, registrano un meno 11%.

Le cause vanno ricercate nelle restrizioni che hanno portato alla chiusura forzata di molti locali pubblici in tutto il mondo. L’altro canale principale, quello delle vendite dirette ai consumatori, ha tenuto botta ma non è stato in grado di compensare la pressione.

I ricavi netti sono scesi del 5% nel quarto trimestre 2020, in recupero rispetto ai trimestri precedenti. Il volume globale è diminuito del 3% nel quarto trimestre e del 6% per l’intero anno.

Occorre comunque dire che in seno al gruppo Coca-Cola Company occorre fare dei distinguo tra marchi e settori. Per esempio, grazie a Coca zero il settore principale ha fatto registrare un +4%.

Acque minerali e bibite per lo sport sono invece scese dell’11%, e peggio è andata a tè e caffè. Penalizzati dalle chiusure dei negozi della catena Costa Coffee, la seconda più grande del mondo dopo Starbucks, acquisita da Coca-Cola Company nel 2018.

La multinazionale confida in un ritorno graduale alla normalità portato dai vaccini, che aumenterà così anche i consumi di Coca-Cola.

Dove comprare azioni Coca Cola

Quali sono i migliori broker per comprare azioni Coca-Cola? I seguenti:

Comprare azioni Coca Cola con eToro

Il broker eToro richiede un Deposito minimo di 50 euro, ma puoi anche iniziare a provare la piattaforma senza alcun deposito con il Conto demo da 100mila euro virtuali.

Bene dal punto di vista di Commissioni e spread, più bassi di buona parte della concorrenza.

Tra i Servizi offerti spiccano il copy trading, i copyportfolios, il social trading e l’Exchange eToroX

Tante le Licenze vantate da eToro. Vale a dire: CySEC, FCA, ASIC

Apri subito il tuo account gratuito su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare Trading CFD sul titolo Coca Cola con Plus500

Il broker Plus500 prevede un Deposito minimo di 100 euro, mentre il conto demo è costituito in partenza da 40mila euro, ma si ricarica quando scende sotto i duecento euro.

Commissioni e spread sono anche qui competitivi col resto della concorrenza, mentre per quanto concerne i servizi puoi attivare un alert mail sui prezzi, una assistenza clienti in live chat in +30 lingue, puoi scegliere tra +2.500 asset, ecc.

Quanto alle Licenze, Plus500 vanta CySEC e FCA.

Apri subito il tuo account gratuito su Plus500 cliccando qui.
72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro.

Fare Trading CFD sul titolo Coca Cola con FP Markets

FP Markets è un broker australiano, con Deposito minimo di 100 euro.

Il Conto demo va richiesto tramite apposito link. Commissioni e spread sono inferiori alla media del mercato.

Questi i principali Servizi offerti: trading automatico, MT4 e MT5, assistenza 24×5, autochart.

Quattro le Licenze possedute: CySEC, FCA, ASIC, CNMV, BaFIN

Apri subito il tuo account gratuito su FP Markets cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Comprare azioni Coca Cola con Capital.com

Il broker Capital.com prevede un Deposito minimo di soli 20 euro per il conto base. Mentre il conto demo è di 1000 euro virtuali, cifra bassa per abituare il trader alla parsimonia.

Commissioni e spread sono particolarmente convenienti, con alcuni cambi valutari che toccano gli 0.0 pips.

Per quanto riguarda i Servizi, qui troviamo: app Investmate, intelligenza artificiale integrata alla piattaforma, Glossario, +70 indicatori di trading

Due le Licenze vantate da Capital.com: CySEC e FCA.

Apri subito il tuo account gratuito su Capital.com cliccando qui.

Conviene investire in azioni Coca Cola?

Nel periodo marzo 2019-febbraio 2020 le azioni Coca Cola erano in sensibile rialzo, passate da 44 a 55 USD.

Il Covid-19 ha portato ad un brusco calo, intorno ai 38 dollari, riportando il titolo indietro di 8 anni, in un’area che non esplorava dal 2012.

La ripresa nei mesi pandemici c’è stata ma ancora incerta. Essendo riuscito a toccare i 56 dollari per poi rimbalzare. Al momento della scrittura, le azioni Coca-Cola viaggiano intorno ai 53 dollari e rischiano di ricadere sotto il supporto dei 50.

Coca-Cola risente ancora della ripresa incerta, dato che la chiusura del locali ha portato un drammatico calo dei ricavi e delle relative vendite come visto. Probabilmente regnerà ancora l’incertezza fino ad inizio 2022, quando si spera l’umanità sarà uscita dal guado pandemico.

Parliamo comunque di uno dei brand più popolari del mondo, insieme a Google e Ferrari. Ed inoltre, alcune iniziative sociali e salutari stanno cercando di dare nuovo lustro al marchio.

Le azioni Coca-Cola sono dunque molto interessanti, anche per le oscillazioni che le caratterizzano.

Grafico andamento azioni Coca Cola

Ecco il grafico in tempo reale delle azioni Coca Cola.

Modello di business di Coca Cola

Il business model di Coca-Cola si basa, come visto, sulla vendita di una varietà di bevande. Quali: bevande gassate; acqua, acqua migliorata e bevande sportive; succhi di frutta, bevande a base di latte e vegetali; tè e caffè; e bevande energetiche.

I suoi marchi includono: Coca-Cola, Diet Coke / Coca-Cola Light, Coca-Cola Zero Sugar, Fanta, Sprite, Minute Maid, Powerade, Dasani, Simply, Gold Peak e Glacéau Smartwater.

Nel gennaio 2019 ha rilevato Costa Coffee, una catena in stile Sturbacks.

L’azienda vende il concentrato ai suoi imbottigliatori che poi lo vendono ai clienti al dettaglio aggiungendo acqua e ghiaccio.

Questa la ripartizione per area geografica:

  • EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa): le entrate del segmento sono costantemente aumentate dal 2016 al 2018 e si prevede che questa tendenza continui ad andare avanti
  • America Latina: dopo un sensibile aumento nel 2017, le entrate sono rimaste pressoché invariate nel 2018 a causa del calo dei volumi in Argentina e Messico. Anche qui si prevede un aumento dei ricavi a causa delle ottime prestazioni nella categoria delle bevande non gassate, insieme alle bevande energetiche e sportive
  • Nord America: i ricavi sono in crescita grazie anche all’impatto di nuove iniziative di pacchetto realizzate sul mercato e da un forte mix di prezzi all’interno del portafoglio di bevande gassate.
  • Asia-Pacifico: dovrebbe registrarsi un sano aumento del volume venduto, parzialmente compensato da prezzi modesti. A guidare la domanda dovrebbe essere la Cina

L’imbottigliamento è un’altra attività molto importante, effettuata tramite proprietà o controllate. Negli ultimi anni, i ricavi degli investimenti nell’imbottigliamento hanno subito un forte calo a causa del rifacimento delle operazioni di imbottigliamento dell’azienda.

Dal 2019 si è aggiunto come settore il Global Ventures, grazie all’acquisizione di Costa Café.

Previsioni Coca Cola 2021-2025

Come detto in precedenza, le azioni Coca-Cola si stanno caratterizzando per una forte incertezza. Tra la voglia di sfondare finalmente il livello di resistenza sui 60 dollari e il timore di ripiombare sotto supporto dei 40 dollari.

Il titolo dovrebbe chiudere il 2021 in un range tra 45 e 55 dollari, mentre nel 2022 dovrebbe riprendere un rialzo sostanziale grazie al graduale ritorno alla normalità a livello mondiale.

Anche perché la propria Holding prevede anche energy drink e una catena di loung bar. Che dovrebbero tornare a macinare ricavi con la definitiva fine delle restrizioni, che daranno di nuovo possibilità alla socializzazione e all’attività sportiva.

Comprare azioni Coca Cola: le domande frequenti

Chi è Coca Cola?

Si tratta di una multinazionale dedita alla produzione di bevande zuccherate, gassate, prive di zucchero, energy drink, ecc. Di recente, ha anche rilevato la catena di lounge bar Costa Café, per diversificare la sua posizione sul mercato.

Conviene investire in azioni Coca-Cola?

Il titolo può essere interessante per il trading CFD visto che si sta caratterizzando per continui sali-scendi, complice la ancora incerta situazione dovuta alla Pandemia Covid-19 che ne ha inficiato vendite ed utili.

Dove comprare azioni Coca-Cola?

Puoi provare broker come eToro e Capital.com.

Conclusioni

Coca-Cola è una multinazionale americana nata ad inizio ‘900 per sfruttare una bevanda scoperta qualche anno prima inizialmente per uso farmaceutico.

Negli anni si è gradualmente espansa a livello mondiale e il suo brand è tra i più popolari al mondo.

Di recente, oltre a prevedere sempre più prodotti improntati ad una maggiore attenzione per la salute, ha anche rilevato la catena di lounge bar Costa Café.

Il Covid-19 ha portato una severa incertezza per il titolo, che ha risentito molto in termini di ricavi, confidando in una ripresa concomitante alla graduale normalità.

Il titolo si presta dunque bene per il trading CFD visto che si sta caratterizzando per continui sali-scendi. Puoi provare broker che offrono conti demo per provare a negoziare sul titolo.

Ad esempio è fondamentale iniziare dalle piattaforme che offrono demo gratuite. Vi segnaiamo i link ufficiali mediati dal nostro server in modo da garantirvi iscrizione e accesso sicuri:

Sono le piattaforme più usate in Italia, con conti gratuiti demo senza alcuna limitazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here