Comprare azioni Enel (ENEL): come investire, previsioni e prezzo [2021]

Tutti conosciamo ENEL come principale fornitore di luce elettrica e gas nel nostro Paese. Sebbene il mercato libero abbia gradualmente corroso il suo monopolio. Enel è anche quotata su Borsa italiana e fa parte dell’indice FTSE MIB.

In virtù di ciò, potrebbe interessarti scoprire come investire e se conviene farlo sulle azioni ENEL.

Te lo diciamo in questa guida completa sulle azioni ENEL.

Molti trader ne stanno approfittando utilizzando le piattaforme CFD certificate. Ad esempio con eToro (clicca qui per visitare il sito ufficiale) si hanno a disposizione strumenti molto utili come il copy trading per poter essere "copiare" le operazioni dei trader che guadagnano di più. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Enel: chi è

Enel S.p.A. (storicamente ENEL indica l’acronimo di Ente Nazionale per l’energia Elettrica) è una multinazionale Italiana dell’energia, tra i principali attori nei settori dell’energia elettrica e gas non solo nel nostro paese ma anche a livello mondiale.

Diventata ente pubblico a fine 1962, nel 1992 è diventata una società per azioni. Mentre nel 1999, per effetto della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica in Italia, è stata quotata in borsa.

Lo Stato italiano, attraverso il Ministero dell’economia e delle finanze, ne rimane comunque il principale azionista, con il 23,6% del capitale sociale.

E’ una delle società più importanti per capitalizzazione di mercato nell’indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

La presenza geografica principale è in Europa, Nord America, America Latina, Africa e Asia. Le divisioni della Società includono:

  • Generazione
  • Scambio
  • Infrastrutture
  • Reti
  • Upstream Gas
  • Energie Rinnovabili

Opera in circa 30 paesi su quattro continenti, con una capacità installata netta di circa 90 gigawatt (GW). Le società di distribuzione trasportano elettricità attraverso una rete di oltre 1,9 milioni chilometri totali.

Questi i passaggi principali nella storia di ENEL:

  • 1898–1962: sono gli anni in cui si forma ENEL, accorpando le varie realtà che operavano a livello locale. Al fine di realizzare una politica nazionale dell’energia elettrica
  • 1962: nasce ufficialmente l’Ente nazionale per l’energia elettrica
  • 1963–1970: durante gli anni del boom economico, avviene un radicale ammodernamento e sviluppo della rete a livello nazionale
  • 1970–1980: sono gli anni difficili della crisi energetica
  • 1980–1990: la società si espande maggiormente a livello mondiale ma deve rinunciare alla gestione del Nucleare per effetto di un referendum del 1987. Promosso dopo i tragici eventi consumatisi l’anno precedente a Cernobyl. Il ritorno al nucleare sarà bocciato in un secondo referendum, del 2011, quando l’Italia aveva siglato un accordo con la Francia per la realizzazione di 4 centrali nucleari
  • 1990–2000: l’Italia avvia un radicale processo di liberalizzazione e smantellamento del suo patrimonio mobiliare ed immobiliare. ENEL viene gradualmente privatizzata, con lo Stato che resterà comunque possessore della Golden share
  • 2000–2010: col nuovo Millennio, ENEL dà avvio ad una maggiore attenzione per l’energia sostenibile. Partecipando attivamente allo sviluppo delle energie rinnovabili lungo il territorio. Diverse sono poi le partnership in giro per il Mondo, dove l’azienda offre il suo know-how
  • 2010-2015: collabora con alcune case automobilistiche per realizzare servizi nell’automotive e delle due ruote. Si pensi a Reneault, Opel, Mercedes e Piaggio. Interessante anche un accordo siglato con la Russia
  • 2016-2018: la società procede spedita verso l’ecosostenibilità e la convergenza digitale
  • 2019-2020: la rivista Management delle Utilities e delle Infrastrutture (MUI) ha assegnato a Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel, il premio “Manager Utility Energia 2019”

Chi èEnel è una multinazionale Italiana dell’energia, tra i principali attori nei settori dell’energia elettrica e gas a livello mondiale.
🚘 SettoreEnergia
💡 SedeRoma
💻 QuotazioneBorsa Italiana
👍 TickerENEL
🥇Migliore piattaforma per investire in BorsaeToro
🥇Miglior broker con formazioneCapital.com

Piattaforme per investire in azioni Coa Cola

Se vi interessa l’investimento in azioni potete utilizzare una di queste piattaforme regolamentate:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Copy trading su azioniCommissioni basseISCRIVITI
Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali di tradingISCRIVITI
Numerose azioniConti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

si tratta dei broker migliori, registrati in Consob e con licenza dunque sicuri.

Azioni Enel: dati societari

Vediamo i principali dati societari di ENEL.

Dati di contatto:

  • Indirizzo: Roma, 00198, Italy
  • Telefono: +39-06-83052783
  • Fax: 06-83053659
  • Sito web: www.enel.com/it

Management:

  • Samuel Georg-Friedrich Leupold, età 51, dal 2020 Independent Director
  • Romina Guglielmetti, età 48, dal 2016 Statutory Auditor
  • Barbara Tadolini, età 61, dal 2019 Chairman of the Board of Statutory Auditors
  • Francesco Starace, età 66, dal 2005 CEO, GM & Director
  • Claudio Sottoriva, età 48, dal 2019 Statutory Auditor
  • Mirella Pellegrini, dal 2020 Independent Director
  • Mariana Mazzucato, dal 2020 Independent Director
  • Michele Alberto Fabiano Crisostomo, dal 2020 Independent Chairman of the Board
  • Costanza Esclapon de Villeneuve, età 56, dal 2020 Independent Director
  • Anna Chiara Svelto, età 53, dal 2014 Independent Director
  • Alberto Marchi, dal 2020 Independent Director
  • Cesare Calari, età 67, dal 2017 Independent Director

ENEL utili e ricavi

Il primo semestre del 2021 di ENEL ha visto un calo dei ricavi e della redditività, a cui ha fatto da contraltare l’aumento degli investimenti.

Il management di Enel ha confermato i target finanziari relativi all’esercizio 2021, comunicati a novembre 2020, in occasione della

presentazione del piano strategico per il triennio 2021-2023.

Nel primo semestre 2021, i ricavi sono stati in contrazione del 10,6%: il giro d’affari del colosso elettrico è passato da 33,38 miliardi a 29,85 miliardi di euro.

La società ha precisato che la variazione è principalmente attribuibile alle attività di Generazione Termoelettrica e Trading, a causa delle minori attività di trading in Italia, nonché all’effetto cambi negativo in America Latina.

Tali riduzioni sono solo parzialmente compensate dai maggiori ricavi delle attività di Enel Green Power, dei Mercati Finali per effetto delle maggiori quantità vendute e di Enel X.

In contrazione anche il margine operativo lordo, sceso da 8,65 miliardi a

7,72 miliardi di euro (-10,7%). L’utile netto ordinario ha limitato il calo al 4,4%, passando da 2,41 miliardi d 2,3 miliardi di euro.

Il management di Enel ha segnalato che la variazione dei risultati operativi ordinari è stata parzialmente compensata dai minori oneri finanziari netti e dalla minore incidenza delle interessenze di terzi.

L’utile netto si è attestato a 1,78 miliardi. Enel, la situazione patrimoniale a fine giugno 2021. Mese nel quale l’indebitamento netto era cresciuto a 50,42 miliardi di euro, rispetto ai 45,42 miliardi di inizio anno, in seguito agli investimenti del periodo (4,81 miliardi di euro, +16,3% rispetto ai 4,14 miliardi del primo semestre 2020), all’acquisizione di un’ulteriore quota di partecipazione in Enel Américas e all’effetto cambi negativo. Parzialmente compensati dai positivi flussi di cassa generati dalla gestione operativa.

Sempre in riferimento allo stesso periodo, l’incidenza dell’indebitamento finanziario netto sul patrimonio netto complessivo, il cosiddetto rapporto debt to equity, era pari a 1,14 (1,07 al 31 dicembre 2020).

Nell’intero semestre le attività operative di Enel hanno generato un flusso di cassa di 2,68 miliardi di euro.

Malgrado ciò, restano invariati i target finanziari relativi all’esercizio 2021, comunicati a novembre 2020, in occasione della presentazione del piano strategico per il triennio 2021-2023.

alla luce di ciò, il management del colosso energetico conta di chiudere l’esercizio in corso con un margine operativo lordo compreso tra i 18,7 miliardi e i 19,3 miliardi di euro, mentre l’utile netto ordinario dovrebbe collocarsi tra i 5,4 e i 5,6 miliardi di euro.

Il dividendo per azione garantito ai soci è stato pari a 0,38 euro.

Piattaforme per investire sulle azioni Enel

Vediamo quali sono i migliori broker per investire sulle azioni ENEL.

Comprare azioni Enel con eToro

Il broker eToro è ideale per chi è alle prime armi, poiché offre un conto demo molto generoso. Pari a 100mila euro virtuali.

Oltre a ciò, consente di guadagnare copiando cosa fanno i Popular investors, così come sono chiamati i migliori trader iscritti al broker. Si tratta del CopyTrader. Questi ultimi ci guadagnano a loro volta con una commissione per trader copiante.

Ottimo anche il quadro dei costi, con spread e commissioni contenuti.

Il deposito minimo è di 50 euro, più basso della media della concorrenza.

Apri il tuo conto gratuito su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare trading di azioni Enel con Fp Markets

Il broker FP Markets richiede un deposito minimo di 100 euro. Per chi ci tiene, giustamente, alla questione licenze, sappia che questo broker in Europa ne vanta ben 5. Tra cui quella rilasciata da Consob.

FP Markets offre l’assistenza clienti in live chat, una esecuzione rapida grazie al server NY4, un portale dedicato al trader molto dettagliato, il servizio di autochart e trading automatico.

Anche qui puoi contare su spread e commissioni basse.

Apri il tuo conto gratuito su FP Markets cliccando qui.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Trading su Enel con Capital.com

Il broker Capital.com ha invece dalla sua una piattaforma tecnologicamente avanzata, con intelligenza artificiale integrata. Potrai approfondire le tue analisi sulle azioni ENEL con oltre 70 tra indicatori e oscillatori di trading.

Capital.com permette una ampia diversificazione del proprio portafoglio, con oltre 3mila asset disponibili. Se il conto demo non è particolarmente generoso, 1.000 euro virtuali, potrai comunque contare sulla app Investmate per esercitarti senza rischi.

Apri il tuo conto gratuito su Capital.com cliccando qui.

Trading sul titolo Enel con XM

Il broker XM offre una combinazione di tipi di piattaforme che arriva fino a 16 proposte diverse.

Potrai investire su oltre mille strumenti, a parte Enel, e in alcuni casi lo spread arriva anche a 0.0 pips.

Il vero punto di forza di XM.com è il deposito minimo richiesto, di soli 5 euro. Imbattibile. Mentre per ogni singola puntata si può partire da 1 solo euro.

Apri il tuo conto gratuito su XM.com cliccando qui.

Andamento titolo ENEL: quotazione e grafico

Vediamo il grafico dell’andamento in tempo reale delle azioni ENEL.

Previsioni azioni Enel 2021-2025

Le azioni Enel non hanno mai brillato di volatilità. Fin dal loro lancio avvenuto nel 1999, infatti, si sono mosse sempre in uno stretto range. Subendo gli scossoni migliori solo quando è stato tutto il mercato azionario a subirne.

Per esempio, durante la crisi dei sub-prime e la loro lunga coda durata anni, hanno visto scendere il proprio valore anche sotto i 3 euro per titolo. Per poi riemergere sopra i 6 euro solo verso il 2018.

Con l’esplosione della Pandemia, sono scesi ma non troppo, reggendo l’urto intorno ai 6 euro. Quindi perdendo solo un paio di punti, per poi riprendersi presto e sfiorare anche i 9 euro per azione a fine 2020.

Nel corso del 2021 ha viaggiato sempre poco oltre i 7 euro. Area in cui, molto probabilmente, chiuderà l’anno.

Per i prossimi anni, ENEL dovrebbe proseguire verso i due focali del suo operato: gli investimenti Green e l’espansione Mondiale. Pur stando attenta a non perdere d’occhio il mercato interno, sottoposta a liberalizzazione. Dove già deve vedersela con un altro colosso energetico, con maggiore propensione internazionale: ENI.

Per i prossimi anni, ENEL dovrebbe essere in crescita ma sempre con ritmi non serrati.

I probabili target price ENEL potrebbero essere:

  • 2021: 7 euro
  • 2022: 9 euro
  • 2023: 10 euro
  • 2024: 12 euro
  • 2025: 13 euro

Conviene investire in azioni ENEL?

Il titolo può convenire soprattutto per controbilanciare titoli più volatili. Nel proprio portafoglio conviene infatti inserire sia titoli volatili che più stabili proprio come ENEL.

Asset che sia al rialzo che al ribasso procede con lentezza e per gradi.

Azioni Enel: le FAQ

Chi è ENEL?

Si tratta di una società nata nel 1963 dopo un lungo processo di accorpamento di realtà locali dislocate sul territorio nazionale partito a fine ‘800, per dare al paese un unico grande soggetto nazionale.

Dopo la liberalizzazione degli anni ‘90 che l’hanno vista trasformarsi in una SPA, è stata quotata in borsa nel 1999.

Conviene investire in azioni ENEL?

Il titolo è molto stabile e storicamente dà vita a rialzi o ribassi molto lenti e graduali, quindi può risultare utile per controbilanciare asset più volatili.

Dove comprare azioni ENEL?

Può risultare interessante farlo su broker come eToro e Capital.com che offrono i migliori strumenti.

Conclusioni

Comprare le azioni ENEL può risultare molto interessante per chi cerca un titolo stabile, visto che dà vita a cambi di prezzo molto ristretti e graduali.

Il titolo potrebbe registrare rialzi futuri nell’ottica di espansione mondiale e di investimenti Green. Con un occhio al mercato italiano interno sempre più liberalizzato.

Per iniziare potete partire dai broker che offrono conti demo gratuiti.

Ad esempio è fondamentale iniziare dalle piattaforme che offrono demo gratuite. Vi segnaiamo i link ufficiali mediati dal nostro server in modo da garantirvi iscrizione e accesso sicuri:

Sono le piattaforme più usate in Italia, con conti gratuiti demo senza alcuna limitazione.

Appassionato di economia e finanza, porto il mio parere indipendente sui temi economici di maggiore interesse. Nel 2008 sono diventato giornalista ed editore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here