La Russia minaccia di tagliare le scorte di gas già da venerdì

La Naftogaz, una compagnia dell’Ucraina posseduta dallo Stato, sta subendo una nuova minaccia da parte della Russia, che minaccia di tagliare gli approvvigionamenti per il resto dell’Europa.

La colpa è Russa o Ucraina

Martedì scorso, Alexey Miller, il CEO della compagnia energetica specializzata in gas, la Gazprom, una compagnia posseduta dallo stato Russo, ha riferito ai giornalisti che lo stavano intervistando, che la Naftogaz non è riuscita a pagare per le consegne del gas di Marzo e ha minacciato di terminare i contratti con le controparti ucraine.

Già successo nel 2006

Una cosa del genere era già successa, e bisogna risalire al 2006, anno in cui la russia tagliò gli approvvigionamenti di gas in Francia, Italia, Germania e Polonia.

Secondo un giornale Russo, ciò che è successo è più grave di quello che sembra, infatti l’Europa rischia di rimanere a secco prima del weekend:

“Ci vogliono circa due giorni per ottenere il pagamento da Naftogaz depositato su un conto Gazprom. Ecco perché una consegna in Ucraina di 114 milioni di metri cubi porterà ad una completa cessazione delle forniture di gas russo già nei prossimi due giorni, e ciò crea gravi rischi per il transito verso l’Europa.”

Italia a secco prima del weekend

Questo è un grosso problema sia per l’Ucraina e l’Europa. L’Austria dipende dalle forniture di gas attraverso l’Ucraina per quasi il 15% del suo fabbisogno energetico, mentre la nostra Italia ottiene circa il 13% dalla stessa fonte. Grecia e Francia potrebbero anche vedere il loro approvvigionamento energetico completamente interrotto.

Per l’Ucraina in sé, un taglio sarebbe ancora più grave. Non solo le forniture di gas russo rappresentano il 58% del gas consumato nel paese, ma le tasse di transito verso l’Europa sono anche una fonte di entrate per il governo a corto di liquidi, che si trova a Kiev.

In risposta alle osservazioni di Miller, Naftogaz ha accusato Gazprom di violare un accordo raggiunto tra le due parti lo scorso ottobre. Secondo l’accordo, Naftogaz era tenuto a pagare 2,2 miliardi di dollari di debito e acconti, in cambio di 2 miliardi di metri cubi di gas al mese (a un volume massimo di 114 milioni di metri cubi al giorno) dalla Russia. Gazprom è anche alla ricerca di un pagamento di 3,1 miliardi dollari per le consegne del passato.

Tuttavia, ci sono delle rivendicazioni dalla controparte Ucraina, che invece dei 114 milioni di metri cubi, che erano stati promessi in base al contratto con i loro partner russi, sono stati in realtà consegnati solo 47 e 39 milioni di metri cubi nei giorni 22 e 23 febbraio. Adesso l’Ucraina si rifiuta (giustamente) di pagare per le consegne di marzo.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di ilcorsivoquotidiano.net, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di ilcorsivoquotidiano.net non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene ilcorsivoquotidiano.net e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da ilcorsivoquotidiano.net