Azioni Adobe (ADBE): il titolo è cresciuto del 43% nel 2021

Le azioni Adobe (ADBE) sono cresciute del 13% tra inizio ottobre ed inizio novembre. Il titolo ha registrato il 4 novembre il suo nuovo massimo storico, a 674,08 dollari americani. Per poi ritracciare fino ad area 643 dollari e tornare a salire toccando i 657 dollari al momento della scrittura.

Il che lascia presagire un nuovo tentativo di toccare quota 680 dollari entro la fine dell’anno.

Il titolo Adobe Inc (ADBE) è aumentato del 43,48% negli ultimi 12 mesi e la valutazione media degli analisti di Wall Street è su un Buy deciso.

Il sistema di classificazione proprietario di InvestorsObserver assegna al titolo ADBE un punteggio di 67 su 100 possibili. Tale classificazione è principalmente influenzata da un punteggio tecnico a lungo termine di 92.

La classifica di ADBE include anche un punteggio tecnico a breve termine di 71. Il punteggio fondamentale per ADBE è 38. Oltre alla valutazione media degli analisti di Wall Street, il titolo ADBE ha un prezzo obiettivo medio di $ 690,76. Ciò significa che gli analisti si aspettano che il titolo aggiunga il 6,51% nei prossimi 12 mesi.

ADBE ha un punteggio complessivo di 67. Il titolo Adobe Inc (ADBE) è sceso del -2,9% mentre l’S&P 500 è sceso del -0,94% a partire dalle 14:56 di mercoledì 10 novembre. ADBE è sceso di -19,38 dollari dal precedente prezzo di chiusura di 667,92 dollari sul volume di 1.241.832 azioni.

Nell’ultimo anno l’S&P 500 è più alto del 30,91% mentre l’ADBE è più alto del 43,48%. ADBE ha guadagnato $ 12,12 per azione negli ultimi 12 mesi, con un rapporto prezzo/utili di 53,47.

Intanto, Adobe si sta lanciando anche nel mondo degli NFT.

Adobe è una delle aziende maggiori per capitalizzazione. E’ possibile fare trading sul titolo anche sulla popolare piattaforma di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito).

E’ un broker dispone anche della funzionalità molto interessante di Copy Trading, per copiare automaticamente le posizioni di altri investitori. Per aprire un conto demo bastano 50€ per iniziare subito.

Per iniziare a fare trading sulle azioni su eToro vai qui sul sito ufficiale.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Azioni Adobe: pronto ingresso in NFT grazie ad integrazione con Photoshop

Adobe sta lanciando un sistema integrato in Photoshop che può, tra le altre cose, aiutare a dimostrare che la persona che vende un NFT è la persona che lo ha realizzato. Si chiama Content Credentials e i venditori NFT saranno in grado di collegare l’Adobe ID al loro portafoglio crittografico, consentendo ai marketplace NFT compatibili di mostrare una sorta di certificato verificato che dimostri che la fonte dell’arte è autentica.

Secondo un’intervista a Decoder con Scott Belsky, chief product officer di Adobe, questa funzionalità sarà integrata in Photoshop con un’opzione “prepara come NFT”, lanciata in anteprima entro la fine di questo mese.

Belsky afferma che i dati di attribuzione creati dalle credenziali di contenuto vivranno su un sistema IPFS. IPFS (InterPlanetary File System) è un modo decentralizzato per ospitare file in cui una rete di persone è responsabile di mantenere i dati sicuri e disponibili, piuttosto che una singola azienda (in qualche modo simile a come funzionano i sistemi torrent).

Adobe afferma che i marketplace NFT come OpenSea, Rarible, KnownOrigin e SuperRare saranno in grado di integrarsi con Content Credentials per mostrare le informazioni di attribuzione di Adobe.

Ricordiamo che gli NFT ti consentono di acquistare e vendere la proprietà di oggetti digitali unici e tenere traccia di chi li possiede utilizzando la blockchain.

NFT sta per “token non fungibile” e tecnicamente può contenere qualsiasi cosa digitale, inclusi disegni, GIF animate, canzoni o elementi nei videogiochi. Un NFT può essere unico, come un dipinto reale, o una copia di molti, come le carte collezionabili, ma la blockchain tiene traccia di chi ha la proprietà del file.

Gli NFT hanno fatto notizia ultimamente, alcuni venduti per milioni di dollari, con meme di alto profilo come Nyan Cat e gli occhiali da sole “deal with it” messi all’asta. Ci sono anche molte discussioni sull’uso massiccio di elettricità e sugli impatti ambientali delle NFT.

Per approfondimenti potete consultare la nostra guida su come investire in criptovalute.

Adobe punta a risolvere problema copyright NFT

Il furto d’arte è stato un grosso problema nel mondo NFT. Ci sono stati molti esempi di persone che hanno coniato opere d’arte che non hanno creato o di cui non hanno i diritti sulla blockchain.

Il motivo è che chiunque può coniare un NFT, anche se non possiede il copyright del contenuto, e non c’è davvero nulla che la blockchain possa fare per fermarlo. Peggio ancora, il conio è sancito sulla blockchain, facendo sembrare autentica la creazione della NFT se non sei a conoscenza del lavoro originale.

In altre parole, potrei fare clic con il pulsante destro del mouse su un’immagine esistente di un NFT e coniarla di nuovo da solo, potenzialmente ingannando gli acquirenti ignari.

Sebbene il sistema di Adobe non impedisca il furto di opere d’arte, offre un modo per dimostrare che l’NFT che stai vendendo non è stato rubato: oltre a ciò, spetta agli acquirenti decidere quanto valore attribuiscono a questo.

Anche Banksy, che viene menzionato in Decoder, è stato vittima dei truffatori NFT. Un collezionista di NFT (chiamato ironicamente Pranksy) ha pagato $ 300K per un NFT attribuito al famoso artista di strada, che era quasi sicuramente falso. Ha finito per riavere i soldi, ma non ci sarebbe stato tanto clamore se Banksy avesse firmato digitalmente l’NFT.

Come sottolinea Belsky di Adobe, Banksy probabilmente non vorrebbe collegare il suo nome e Adobe ID a un portafoglio crittografico, ma il sistema è pensato per essere open-source: è possibile che l’artista anonimo possa trovare un modo per fornire credenziali di contenuto verificate dalla società incaricata di autenticare la sua opera.

Gli NFT non sono l’unica cosa che trarrà vantaggio dalle credenziali di contenuto di Adobe, che sono il risultato della sua Content Authenticity Initiative. La società sta lanciando il sistema in versione beta e gli utenti possono utilizzarlo per mostrare quali modifiche sono state apportate a un file in Photoshop, contrassegnare le proprie immagini stock sul sistema di Adobe e altro ancora.

Come comprare azioni Adobe

Se sei interessato a comprare le azioni Adobe (ADBE) puoi provare su broker che offrono le condizioni migliori come i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
Copy trading su azioniCommissioni basseISCRIVITI
Servizio CFDConto demo illimitatoISCRIVITI
Spread bassi, CFDSegnali di tradingISCRIVITI
Numerose azioniConti Zero spreadISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Otterrai una serie di servizi a costi vantaggiosi, oltre la certezza di operare con piattaforme sicure aventi regolare licenze.

Il trading CFD ti consentirà di puntare sia long che short sulle azioni Adobe. Quindi, di poter trarre profitto sia in caso di rialzo che di ribasso del titolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here